Leggi Offline:

P. José Jesús Brito Olivares, C.Ss.R. 1931-2017 – Cile.

P. José Jesús Brito Olivares, C.Ss.R. 1931-2017.

Il redentorista P. José Jesús Brito Olivares, 1931-2017, – Cile, Vice-Provincia di Santiago. Grande missionario e pastoralista, mise in moto il rinnovamento dei metodi pastorali alla luce del Concilio Vaticano II. Fu anche Provinciale della provincia redentorista di Santiago. Morì a 86 anni.

Dati ufficiali

  • Cognome = Brito Olivares
  • Nome = José Jesús
  • Nazionalità = Cile– (Vice-Provincia di Santiago)
  • Nato = 30-Mar-1931
  • Morto = 30-Lug-2017
  • Professione = 02-Feb-1951
  • Sacerdote = 04-Nov-1956

Padre José Jesús Brito Olivares nacque il 30 marzo 1931 nella città di Calera, Quinta Regione. Era l’ultimo di sette figli del matrimonio di Don Fructuoso Brito Fernández e Doña Ángela Olivares Godoy. Fu battezzato il 15 dicembre del 1931 nella parrocchia del Santo Nome di Gesù, ricevette la sua prima Comunione e la confermazione nella stessa parrocchia nel 1942.

I suoi primi studi li fece nella Scuola Fiscale n. 18 e terminò la preparatoria nella scuola superiore del  Collegio di Fratelli Maristi nella stessa città.
Nel gennaio 1944 entrò nel Seminario Redentorista di San Bernardo incoraggiato da un padre redentorista. Aveva 12 anni. Completò gli studi umanistici nel 1949 e nel 1950 ha iniziò il suo noviziato nel convento di San Alfonso a Cauquenes. Nel febbraio 1951 fece la sua prima professione religiosa nella stessa parrocchia.
Nel 1951 iniziò i suoi studi di filosofia e quando li finì si trasferì a Cordova, Argentina, dove cominciò la sua formazione teologica, fino al 1956, quando con un gruppo di compagni fu inviato nella Provincia di São Paulo, in Brasile, per finire gli studi. Fu ordinato sacerdote il 6 novembre di quell’anno nella stessa città; accanto a lui c’era suo fratello Andrés Brito Olivares, che era anche missionario.

Nel marzo 1957 fu integrato nel gruppo di insegnanti e professori del Seminario di San Bernardo come sub-direttore e rimase in quella Comunità fino al 1962, anno in cui tornò a Tietê, São Paulo in Brasile, come professore di filosofia e Assistente dei seminaristi cileni.
Nel 1963, di nuovo in Cile, fu incorporato nella comunità parrocchiale di Santiago, come vicario. Si distinse per l’entusiasmo che metteva nella Novena Perpetua e promuoveva le celebrazioni in onore della madonna del Perpetuo Soccorso.

Nel 1965 venne trasferito alla comunità di Puerto Montt e successivamente si alla comunità di recente creazione di Nueva Braunau, divenendo il primo parroco. Si dedicò alla cura parrocchiale e al lavoro delle missioni; l’Arcivescovo gli affidò la direzione del Dipartimento Missionario dell’Arcivescovado.
L’anno 1967 fu nella parrocchia di Penco e nel 1968 si unì alla comunità missionaria della provincia Cileni, nei tempi di cambiamenti in tutta la Chiesa, a seguito dei Concilio Vaticano II. Nel Gruppo Missionario si fecero studi per rinnovare il metodo missionario dei Figli di S. Alfonso in Cile.

Nello stesso anno si trasferì alla comunità di Coquimbo, accogliendo l’invito dell’Arcivescovo Mons. Juan Francisco Fresno che lo nominò Direttore del Dipartimento delle Missioni che lanciò il nuovo metodo della missione rinnovata.
Nel 1971 si trasferì in Europa, in Belgio, per la specializzazione presso l ‘Università di Lovanio per ottenere la laurea in teologia pastorale; tornò in Cile alla fine del 1973.
All’inizio del 1974 fu invitato a incorporarsi alla Universidad del Norte, Sede Coquimbo, che stava prendendo l’iniziativa di creare un Dipartimento di Teologia e Padre Brito fu assunto come creatore e direttore di detto reparto.

A livello di pastorale diocesana, l’arcivescovo lo nominò Vicario Pastorale diocesano per promuovere il clero locale alla conoscenza e all’attuazione del Concilio Vaticano II.
Tra il 1974 e il 1977 ha partecipato a vari seminari sulla pianificazione pastorale, che applicò anche alla vita consacrata e mise al servizio delle congregazioni religiose che la portarono in diversi paesi del continente.
Nel 1978 tornò in Europa, all’Università di Lovanio, per iniziare gli studi di dottorato in teologia. Ritornò in Cile l’anno successivo per lavorare e pubblicare la sua tesi di dottorato, un lavoro che rimase incompiuto a causa delle tante responsabilità cui doveva far fronte.
Nel 1988 diresse e coordinò un seminario sulla missione popolare redentorista a Cordoba, in Argentina, con la partecipazione di vari paesi.
Nello stesso anno lasciò Coquimbo e fu assegnato alla comunità di Santiago come parroco del Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso, e allo stesso tempo fu nominato Rettore dell’Istituto Alfonsiano.

Nel 1994 fu Vicario Parrocchiale a Santiago e nel 1998 venne eletto Superiore Provinciale dei missionari redentorista del Cile. Nel 2001 è rieletto Superiore Provinciale e coordinatore del gruppo dei Superiori Provinciali del Cono Sud dell’America Latina.
Nel 2002 e nel 2003 assunse il rettorato dell’Istituto Alfonsiano, essendo vicario provinciale e vivendo nella comunità di Santiago.
Nel 2005 fu assegnato alla comunità di Cauquenes con il compito di superiore e parroco, e in aggiunta, il Vescovo lo nominò Decano del Decanato di Cauquenes nella diocesi di Linares e successivamente sarà direttore della Radio Sant’Alfonso.

Dal 2010 al 2012 è stato Vicario Parrocchiale della Comunità di Cristo Rey, a Puerto Montt e l’anno successivo nella Comunità di San Pedro de Coquimbo.
Dal 2013 a gennaio 2015, padre Josévenne assegnato come vicario alla Comunità di Til Til, nella parrocchia Madonna del Carmine.
Nel 2015 visse per un breve periodo nella Comunità di Cauquenes e fu trasferito a Santiago nel 2016.
Padre José Jesús Brito Olivares morì nella comunità di Santiago domenica 30 luglio 2017, intorno alle 5:00 dell’alba.

Leggi il file pdf  – in spagnolo.

___________

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Settembre 8, 2017 at 12:05 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , , ,