Leggi Offline:

biografielogopdf

Frat. Rudolf Hadwiger, C.Ss.R. 1940-2024 – Germania.

Frat. Rudolf Hadwiger, C.Ss.R. 1940-2024.

Il redentorista Frat. Rudolf Hadwiger, 1940-2024, Germania, Provincia di Monaco. Un fratello molto prezioso e attento ai suoi compiti. Ha sofferto abbastanza per la sua malattia ed è morto a 74 anni.

___________

Dati Ufficiali

  • Cognome = Hadwiger
  • Nome = Rudolf
  • Nazionalità = Germania – (Provincia di Monaco)
  • Nato = 05-Apr-1940
  • Morto = 11-Ott-2014
  • Professione = 02-Mag-1961

Omelia nella messa funebre di Fr. Rudolf Hadwiger
Gars, 14 ottobre 2014,

Cari parenti, parenti e amici, cari fratelli e sorelle, improvvisa e immutabile è la morte.
Fratello Rudolf giovedì è stato portato nella Inn-Salzach-Klinik a Wasserburg e sabato mattina, a causa di un ictus associato a polmonite – ha abbastanza rapidamente ceduto, non ha parlato più e ha smesso di respirare.
Egli si è addormentato serenamente alla presenza del dottore e delle suore del reparto in una vita completamente diversa.

La vita di Fratello Rudolf non fu facile. Nacque il 5 aprile 1940 era nella città di Weigelsdorf. città romana nella diocesi di Olomouc. C’erano 8 fratelli – 4 bambini e 4 bambine.
Nel 1944 arrivò l’espulsione da casa, una perdita che lo ha segnato nel profondo del cuore, quando aveva solo 4 anni.
Nel 1945 venne in Baviera a Niederstimm distretto di Ingolstadt. Ha frequentato la scuola elementare a Manchen.

Nel 1955 studiò agricoltura presso la tenuta “Donners Berg” delle monache francescane, a Ingolstadt, dove una cara sorella apparteva a questo ordine. Egli frequentò la scuola professionale agricola per un anno come esterno nell’abbazia di Weltenburg e nel 1958 fece l’esame di agraria.
Si mise in contatto con un fratello Redentorista, con il quale organizzava la festa di San Gerardo a Gars. Ciò ha acceso qualcosa in lui.
Nel 1959 entrò nel postulandato Redentorista a Gars e ricevette la vestizione un anno dopo. Nel 1961 ha fatto la prima professione.

Il suo compito fu di lavorare come giardiniere a Gars. Nel 1965 fece la professione perpetua.
Nel 1993 fu trasferito nel monastero di Würzburg e lì fu sarto, portinaio, giardiniere ed economo.
Nel 1999 si trasferì nel monastero di Forchheim, dove si occupò del giardino del monastero, preparava la colazione e cena con pancake particolarmente sottili e buoni. I cuochi hanno sempre lasciato a lui la preparazione di questo cibo.

Aveva alcuni hobby: collezionava e aggiustava gli orologi da taschino, faceva battere di nuovo i vecchi orologi da muro,  e provava le macchine fotografiche. Gli piaceva andare nei mercatini delle pulci.
Nel giardino, il suo orgoglio era un giovane noce che additava a tutti.

Il desiderio della sua patria natale gli dava sicurezza e fiducia. Ma gran parte della sua comunicazione non ha avuto il successo che voleva. Era un grande piacere per lui quando andava a casa dai parenti o quando lo visitavano.

Gli incidenti e le malattie gli hanno reso la vita difficile. Spesso diceva: “Mi rimane poco da compiere”.  E poi faceva un cenno di saluto.
È stato molto difficile per lui dare l’addio al monastero di Forchheim che doveva essere chiuso per mancanza di personale. E ricominciare in nuova sistemazione gli procurava timore.
Nel luglio 2013 arrivò a Gars e successivamente nella casa di cura a Wasserburg. Lì tra i suoi coetanei ha trovato un posto adatto a lui. Ha anche trovato buona accoglienza e buone cure. Diceva spesso: “Ora non vado da nessun’altra parte!”
Ma dopo un breve tempo andò in Ospedale. ed è morto sabato.

Gesù nel vangelo gli dice: “Nella casa del Padre mio ci sono molti posti … Vado a prepararti un posto. Tornerò e ti porterò con me”. Poi dice:” Io sono la via, la verità e la vita”.
Io credo fermamente che egli ha trovato il suo posto accanto a LUI.
La parola “inquieto” viene da S. Agostino: “Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.
Anche se abbiamo tristezza, pensiamo che egli ora stia bene! Probabilmente ne ha passata molta di sofferenza.
Voglio ringraziare Dio per averlo portato nel nostro Istituto, per aver egli fatto molto per noi, ma anche per quello che noi abbiamo fatto per lui.
Perciò voglio ringraziare tutti coloro che lo hanno accolto nel corso della sua vita. E infine, soprattutto grazie allo staff nel centro di cura Wasserburg e ai medici e alle suore della clinica!

 “Quando la nostra tenda terrena sarà tolta, avremo una dimora in Dio, non fatta da mani umane, una dimora eterna nel cielo”.

_____     Leggi il file pdf  ___ in tedesco

  Se hai bisogno del traduttore

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

febbraio 13, 2018 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , ,