Leggi Offline:

10 settembre
EFFEMERIDI C.Ss.R = 1743. Capitolo generale di Ciorani.

1743. Capitolo generale di Ciorani.

In questo Capitolo, presieduto da sant’Alfonso, la più importante decisione fu di accettare i giovani che, pur non avendo ricevuto gli Ordini maggiori, avessero raggiunto l’età di diciotto anni.
Era una grande innovazione nell’istituto.

Ciorani (SA) – La sala del Capitolo, trasformata in cappella. Qui si sono tenuti i primi Capitoli Generali dell’Istituto.

_____________________ 

1839. Papa Gregorio XVI rende obbligatorio, nella Chiesa universale, la Messa e l’ufficio di S. Alfonso.

Papa Gregorio XVI, nella Bolla di Canonizzazione di sant’Alfonso, ha richiamato il modello del vero Vescovo e dichiarava che la santità e la dottrina erano il suo più bel ornamento; poi, dimostrava questa duplice qualità mirabilmente esistenti in sant’Alfonso.
Quindi fece un magnifico e solenne elogio della chiarezza della dottrina e dei grandi servizi da lui reso alla Religione ed alla Chiesa. Con decreto del 10 settembre 1839, Gregorio XVI rendeva obbligatorio, nella Chiesa universale, la Messa e l’ufficio in suo onore.
Tra le ragioni richieste, secondo Benedetto XIV, per una simile concessione, era necessario che il Santo fosse stato Fondatore o Propagatore di un Ordine religioso, e abbia meritato dalla Santa Sede e dalla Chiesa universale.
Ora Gregorio XVI nella Bolla di Canonizzazione, dichiara che il nostro Santo ha, in particolare, ben meritato dalla Santa Sede e dalla Chiesa universale per le dotti e numerose opere, e che egli brilla tra le stelle più luminose che ornano la Chiesa cattolica.
VILLECOURT. Vita di S. Alfonso, T. IV, p. 252.

Una immagine riassuntivi dei meriti che hanno valso a S. Alfonso tanti riconoscimenti.

_____________________ 

1901. Fondazione della casa di Attert (Belgio), rifugio degli studenti della Provincia di Lione. 

Il 10 settembre del 1901, una grande casa colonica con annessi furono acquistati in questa località dal P. Ernest Carver, Rettore di Saint-Nicolas-du-Port, al fine di fornire riparo ai confratelli espulsi dalla Francia.
Esattamene nel 1903 accolse gli studenti della Provincia di Lione che, da tre anni, erano a Beauplateau. Il merito di questa fondazione di Attert è da attribuire al degnissimo e sempre rimpianto Padre Tailleur il quale ci mise denaro, energia e cuore.
Vi fu stabilito il noviziato della Provincia di Lione per qualche tempo, prima di essere trasferito in Olanda.

Attert, Luxemburg 1905 – Cappella della Comunità redentorista dedicata alla Madonna del Perpetuo Soccorso (foto in AGHR).

_____________________ 

IN MEMORIAM 

Fr. Conrad, (Francesco-Xavier Kult). Bischenberg, 1872.
Fratello Conrad è nato a Babsheim (Wurtemberg), il 22 marzo 1836. Fin dal noviziato, si consacrò fermamente a Dio, senza riserva e per sempre. Sebbene sofferente di petto, mai chiese eccezioni alla Regola; lo si dovette obbligarlo.
La carità fraterna brillava in lui in modo straordinario:  era grande gioia per lui il favorire i confratelli. Soprattutto, aveva l’amore per il lavoro, l’orrore della pigrizia; si ingegnava ad essere sempre occupato.
Costretto a recarsi in famiglia, ebbe a subire parecchi assalti contro la vocazione; si provò a dissuaderlo facendogli luccicare agli occhi i vantaggi di un brillante partito. «No, rispose, mi sono consacrato a Dio, il mio cuore è insensibile a tutto il resto».
—«Beati pauperes spiritu quia vestrum est regnum Dei». Lc, 6-20.
Professione: 22 aprile 1866

_____________________ 

P. Pierre Klam. Buga, 1914.
Padre Pierre Klam nacque a Ronhling, in Lorena, il 18 gennaio 1841. Dopo un ritiro spirituale seguito al convento dei Redentoristi di Téterchen, volle entrare in Congregazione.
Dopo l’ordinazione sacerdotale si dedicò, durante la guerra del 1870, alla cura spirituale dei feriti delle nazioni belligeranti nel convento di Téterchen. Quale fonte di sofferenze morali, pazienza ed eroica carità verso il prossimo!
Dopo avere predicato alcune missioni in Francia, il P. Klam fu mandato in America per le nuove fondazioni all’Ecuador. Un mal di gola che contrasse durante un viaggio l’obbligò a rinunciare alle missioni, ed ad occuparsi dei lavori interni. Cappellano delle Suore Marianiste a Riobamba, redasse un primo progetto di Regola per questa nascente Congregazione.
Fondatore della Casa di Santiago, conobbe la povertà: povere e miserabili celle, povera chiesa priva di quasi tutto il necessario, in un sobborgo allora quasi deserto.
Fondatore della casa di Buga con il P. Paris, vi soggiornò gli ultimi trenta anni della  vita e ricoprì le funzioni di ministro.
La sua severità piena di affabilità attirava al suo confessionale numeroso pubblico; gli uomini soprattutto amavano sceglierlo per confessore e guida spirituale.
All’interno del convento, il P. Klam dava frequenti prove di grande affetto alla Congregazione e di viva carità per i confratelli. Si interessava soprattutto al progresso spirituale della comunità e cooperava attivamente per l’aiuto che dava a un buon numero di soggetti.
Modello e sostegno dell’osservanza regolare, odiava tutto ciò che sapesse di novità e singolarità e così anche le eccezioni alla Regola, che non ammise mai per sé  se non per necessità. In lui traspariva la povertà e semplicità Redentorista; la cella era tenuta sempre in ordine e pulizia perfetta.

Negli ultimi anni, sebbene sordo ed cieco, ci teneva a ricoprire come gli altri i piccoli uffici che la Regola impone per il refettorio, e la infermità non gli sembrò mai un motivo sufficiente per esonerarsi dalle mortificazioni pubbliche.
Il P. Klam ebbe la consolazione di poter celebrare il giubileo di professione religiosa il 15 ottobre 1913. Da questo giorno, si dedicò sempre più a quello che era stato, del resto, l’occupazione di tutta la vita: lo spirito e la pratica della preghiera.
L’applicazione su questo era straordinaria ed attirava l’attenzione di ogni confratello. Le lunghe e numerose visite al Santissimo sacramento riempivano gran parte delle giornate. Nei suoi andirivieni per la casa, lo si vedeva quasi sempre col rosario in mano.
L’improvvisa morte l’avrà trovato pregando, e compiendo alla lettera il precetto del Signore: «Oportet semper orare e non deficere».
Professione: 15 ottobre 1863.
Ordinazione sacerdotale: 2 aprile 1870.

Buga, Colombia – Antica foto del chiesa del Señor de los Milagros (foto in AGHR).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
MORTIFICAZIONE = 10 settembre
APRI

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Settembre 10, 2019 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: Eventi alfonsiani, In memoriam, Memoriale calendario
Tags: ,