Leggi Offline:

12 marzo
EFFEMERIDI C.Ss.R = 1793. Elezione del P. Pietro Paolo Blasucci.

1793. Elezione del P. Pietro Paolo Blasucci.
Terzo Rettore Maggiore della Congregazione

Il P. Pietro Paolo Blasucci, fratello del venerabile Domenico Blasucci, fu il terzo Rettore Maggiore: dal 1793 fino alla sua morte avvenuta nel 1817.

 ________________

1872. Congregazione antipreparatoria relativa alla discussione dell’eroicità delle virtù del venerabile Gerardo Maiella.

________________

1793. Nomina di S. Clemente a Vicario generale delle Case Transalpine.

Nel Capitolo del 1° marzo 1793 S. Clemente fu nominato Vicario generale dal Rev.mo P. Blasucci, 1793-1820.

________________

IN MEMORIAM

P. Antonio Tannoia. Deliceto,1808.
Nato il 26 ottobre 1727, il P. Tannoia entrò nella Congregazione a 19 anni, tredici anni dopo la fondazione, in seguito ad una missione a cui aveva assistito. Divenne Padre Maestro e contribuì in larga parte a redigere, durante il Capitolo generale del 1764 presieduto da S. Alfonso, la Regola dei novizi che fu posta al livello delle Costituzioni.
E’ immortalato per le Memorie della vita e dell’Istituto di Sant’Alfonso, e per alcuni profili biografici di Padri e Fratelli.
– Su istanza di un celebre medico di Napoli compose il libro «Le api, la loro utilità e il modo di ben governarle».
Quest’opera composta a tempo perso e senza lo scopo di una futura pubblicazione gli costò quarant’anni di lavoro. Il bene pubblico divenne presto motivo di studio che all’inizio fu  semplicemente un passatempo. Il P. Tannoia acquisì la convinzione che la coltura delle api con il metodo allora in uso nella Puglia era eccellente e non meritava il disprezzo che alcuni dimostravano. Quindi dimostrava che il regno di Napoli possedeva al suo interno una fonte di ricchezza.

Insigne scrittore, primo storico di S. Alfonso, fu inoltre un uomo di grande virtù e la sua fama di santità sembrava essere confermata da eclatanti prodigi. Tutti ammiravano in lui il religioso sofferente e sempre amabile in mezzo alle prove. Al momento della morte, quando la comunità era riunita ai piedi del suo letto, indirizzandosi agli studenti disse: «Amate la vocazione, amate la Congregazione, perché è vostra madre; io l’ho sempre molto amata: perciò sono così tranquillo in questo momento».
E vecchio di 80 anni rimise la sua anima a Dio. Dopo la morte furono ottenute prodigiose grazie per sua intercessione. P. Dumortier ne scrisse la vita. – «Domine,dilexi decorem domus tuae». Ps 25
Professione: 8 dicembre 1747
Ordinazione sacerdotale: 1° novembre 1750

Il P. Antonio Tannoia e l’opera scientifica sulle api (edizione 1801).

Il 12 marzo 2008, bicentenario della morte, la Giunta Comunale di Deliceto dedica al P. Tannoia una onorificenza alla memoria.

Click per ingradire la foto della delibera comunale.

__________________

Il servo di Dio P. Ambrogio de Andreis. Scifelli, 1886
Nacque a Ferentino. Durante i cinquantacinque anni trascorsi nel convento di Scifelli, diede ai confratelli l’esempio di una vita di intensa preghiera, di zelo per le anime e di un grande amore verso i contadini e la gente di campagna. Mori in concetto di santità a Scifelli all’età di 89 anni.
«Opus justi ad vitam». Prov. 10,16.

Il P. Ambrogio De Andreis (1802-1886) nella tela di Scifelli (FR).

________________

P. Charles Mercier, Antony, 1895.
Nato a Roubaix , diocesi di Lille, il 2 settembre 1866, il giovane Mercier volle divenire religioso Redentorista in seguito a un ritiro predicato nel collegio di questa città da un nostro Padre nel 1880.
Entrò nell’educandato di Uvrier . Per tutta la sua vita fu il giovane devoto della Congregazione. Diceva a volte «Io le devo tanto». In modo particolare stimava la fortuna di avervi trovato grandi grazie per la santificazione.
Di natura generoso e ardente, bruciava dal desiderio di salvare le anime e dava grande speranza di divenire un eccellente missionario. Ma Dio gli chiese di essere Redentorista nella sofferenza e nel sacrifico della vita più che con la parola. Rassegnato alla volontà divina, il giovane religioso, apostolo nell’animo, non desiderava altro che il cielo. Diceva: “Veni Domine Jesu, veni.
Morì di mercoledì come aveva chiesto a S. Giuseppe, suo grande Protettore. – «Placida enim erat Deo anima illius». Sap. 4,14.
Professione: 8 settembre 1887
Ordinazione sacerdotale: 2ottobre 1892

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
AMORE VERSO DIO = 12 marzo
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT