Leggi Offline:

12 novembre
EFFEMERIDI C.Ss.R – Santi, Beati e Servi di Dio della Congregazione [nel 1929].

Santi, Beati e Servi di Dio della Congregazione [nel 1929].

Santi

  • S. Alfonso innanzitutto, nostro glorioso e carissimo Padre e Fondatore che malgrado le difficoltà del tempo fu innalzato rapidamente alla gloria dei Santi e Dottori: 1696-1787.
  • San Clemente Maria Hofbauer (1751-1820), insigne e zelante “Propagatore della Congregazione al di là delle Alpi”.
  • San Gerardo Majella (1726-1755),modello dei fratelli-laici, «il Taumaturgo del XVIII secolo».

Hanno il titolo di Venerabile

  • V. Gennaro Sarnelli (1702-1744). Brillante avvocato, abbandona il foro per la vita religiosa; apostolo di Napoli, da dove cacciò quattromila donne di cattiva vita che l’infestavano; è autore di numerosi ed eccellenti lavori. [Dal 1996 è Beato]
  • V. Cesare Sportelli (1702-1750), sostegno e consigliere di S. Alfonso. Di carattere sempre uguale, nascondeva sotto le apparenze di una vita ordinaria virtù eroiche, continue contemplazioni e dure mortificazioni. Ardente missionario, fu un grande convertitore di anime.
  • V. Joseph Passerat (1772-1858). Primo Redentorista francese: Secondo Vicario generale dell’istituto al di là delle Alpi, da dove propaga la Congregazione in tutta l’Europa e fin in America. Lo si chiamava il “grande orante”: fu un santo direttore di anime.
  • V. Giovanni Nepomuceno Neumann (1811-1840), originario della Boemia; visse soprattutto in America dove fu il primo Redentorista ad emettere i voti; Provinciale di Baltimora, poi Vescovo di Filadelfia. [Dal 1977 è Santo]
  • V. Paolo Cafaro (1707-1753), compagno e direttore di S. Alfonso; fu sempre ammirato per lo spirito di preghiera e di orazione.
  • V. Domenico Blasucci (1732-1752), il “Luigi Gonzaga” della Congregazione.
  • V. Michele di Netta (1818-1849). L’apostolo della Calabria.
  • V. Emanuele Ribera (1811-1874). Insigne direttore di anime.
  • V. Pietro Donders (1809-1887). Olandese di nascita, parte a trentaquattro anni per il Suriname, dove lo zelo lo spinge a dedicarsi per la salvezza delle anime, come sacerdote secolare, poi come Redentorista. Fu l’apostolo dei lebbrosi. [Dal 1982 è Beato]

Servi di Dio

  • Nicola de Sanctis (1818-1834) Napoletano. Fin dalla giovane età, si diede alle opere di pietà, di mortificazione. Grazie alla sua tenacia, entra nel noviziato prima dell’età prescritta; alcuni mesi dopo la professione, Dio lo chiamava a lui.
  • Francesco-Xavier Seelos (1819-1867). Originario della Baviera, parte, ancora giovane, per l’America; spinto dallo zelo, vuole diventare un altro “Saverio.” [Dal 2000 è Beato].
  • Égide Vogels (1804-1877), di origine olandese; si ammira per lo spirito di ubbidienza e di mortificazione, l’amore al ritiro. È autore di eccellenti lavori di pietà.
  • Jean-Baptiste Stoeger (1810-1883). il Santo Fratello austriaco, di grande umiltà e di perfetta conformità alla volontà di Dio. La sua vita, fu colpito da sofferenze fisiche e morali.
  • Alessandro de Risio (1823-1886). L’apostolo zelante della Sicilia. Meritò di essere chiamato un altro “Alfonso e la santa vita per Pio IX lo elesse arcivescovo di Santa-Severina.
  • Louis Bronchain (1829-1892). Padre Maestro, formò i novizi più con l’esempio che per le istruzioni. Compose lavori ascetici molto apprezzati.
  • Alfred Pampalon (1867-1895), canadese; fu un angelo per la purezza, un agnello per ladolcezza.
  • Victor Humarque (1816-1896). condusse una vita di dolcezza e di purezza: di perfetta conformità alla volontà di Dio, accettò generosamente le prove che vennero a visitarlo fu veramente il “santo Padre Cieco”.
  • Calogero Liotta (1811-1898). Fratello laico della Sicilia fu un modello di tutte le virtù religiose. Onorato come un santo in vita, lo fu soprattutto dopo la morte, a causa di numerosi miracoli operati sul suo sepolcro.
  • Édouard Douglas (1819-1898). inglese di origine, diventò Consultore generale e Rettore della casa generalizia. Aveva a cuore di imitare S. Alfonso; fu come lui modello di umiltà e pazienza.
  • Jean Eichelsbacher (1820-1899) di Baviera, Consultora generale; era un religioso di intensa vita interiore.
  • Giuseppe Maria Leone (1829-1902). della Puglia; religioso di grande fervore e dedito alla vita di raccoglimento; sebbene di salute fragile, si dedicò con zelo e successo al ministero apostolico.

Il P. Claudio Benedetti, Postulatore delle cause dei servi di Dio, cita ancora i confratelli morti con fama di santità: Andrea Villani, Saverio Rossi, Giovanni Mazzini, Alessandro de Meo, Angelo Latessa. Antonio Tannoia; Francesco Margotta; Carmine Fiocchi; Girolamo Ferrari; Alfonso Falcone, André Zabatti; Barthelemy Pajalich; Félix Cancer;Jean Madlener; Gioacchino Gaudiello; François Springer; Vito Curzio; François Kostnacek; Gennaro Rendina; Frédéric de Held;Francesco Romito;François Poilvache; Antonio Oliva;Edouard Huchant ;Ambroise de Andreis; George Passy; FrançoisTendler ;Antoine M. Losito ; Thadée Hübl

Tanti altri Padri e Fratelli potrebbero essere aggiunti a questo elenco [anche quelli che hanno lasciato nelle nostre tre Province francesi il ricordo di una vita santa], e di cui la causa meriterebbe essere introdotta.

 

Queste due immagini del passato raccolgono una parte dei Redentoristi morti in concetto di santità (foto in AGHR).

_____________ 

IN MEMORIAM 

P. Charles Le Meur. Saint-Mandé, 1882.
Il P. Le Meur è nato a Pont-Croix(diocesi di Quimper), il 25 luglio 1836. Era un religioso molto virtuoso. Fu ammesso nella Congregazione malgrado la precaria salute, diventò socio del noviziato, poi missionario.
Portò dovunque la tenacia del bretone come lo zelo alfonsiano. Spirito di un candore pregevole, era nemico dei compromessi e camminava diritto per la sua strada.
San Leonardo da Porto Maurizio e S. Alfonso erano i suoi santi preferiti. Il Sacramento dell’Estrema Unzione lo guarisce per due volte di seguito da una grave malattia, contratta al servizio dei soldati, mentre era cappellano militare.
Dopo le espulsioni dei Padri da Parigi nel 1880, il Padre Le Meur si rifugiò con confratelli a Saint-Mandé. Gli due ultimi anni della vita furono santificati con la preghiera, la sofferenza ed il lavoro in cella; perché volle lavorare fino alla fine alla composizione o al perfezionamento delle sue prediche.  – «Et in oratione confitebitur Domino». Eccli 39-9.
Professione: 19 marzo 1862.
Ordinazione sacerdotale: 29 luglio 1860

Cappelle cimiteriali di Saint-Mandé: in questa cittadina si rifugiò insieme ai confratelli il Padre Le Meur dopo le espulsioni dei Padri da Parigi nel 1880. (foto da internet).

_____________ 

Fr. Jean Jeanmaire. Vrigny, 1914. Diacono.
Ucciso alla guerra di 1914.

Fratello Jeanmaire nacque a Vittel, il 31 agosto 1886, diocesi di Saint-Dié da dove sono venuti buone vocazioni da tre quarti di secolo. Jean si presentò al Postulantato di Uvrier nel 1899, e seguì gli studi fino al diaconato incluso.
Si preparava al sacerdozio quando esplose la guerra del 1914. Dovette partire e compiere coraggiosamente il suo dovere, fino alla morte. Cadde in battaglia 12 novembre 1914 a Vrigny vicino Reims, colpito da due proiettili, dopo essersi offerto volontario per raggiungere la linea dei tiratori fuori dalle trincee sottoposti ad un fuoco micidiale.
Le informazioni che abbiamo potuto raccogliere sulla vita troppo breve, ci presentano un figlio fedele e devoto della Congregazione, di una pietà splendida, di convinzioni solide; natura generosa, cuore di una delicatezza squisita che forse non sempre si rivelava esteriormente; spirito dotato di un affinato senso letterario.
Chiamato all’opera della Redenzione, sospirava il giorno di salire al santo altare e predicare la parola della salvezza. Il Signore non l’ha voluto. Redentore, lo doveva essere con lo spargimento generoso del sangue.  – «Sine sanguinis effusione non fit remissio».
Professione 25 dicembre 1909.

Vrigny (Francia) Cimitero militare: una di queste croci è del giovane diacono redentorista Jean Jeanmaire rimasto ucciso in guerra nel 1914. (foto da internet).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
PREGHIERA = 12 novembre
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

novembre 12, 2018 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: In memoriam, Istituto redentorista, Memoriale calendario, Santi Beati Venerabili
Tags: