Leggi Offline:

2 ottobre
EFFEMERIDI C.Ss.R = 1927. Fondazione dell’Aspirantato di Montauban.

1927. Fondazione dell’Aspirantato di Montauban.

Nel 1898, si realizzava un desiderio espresso spesso dal P. Desurmont di verificare in loco i germi di vocazione dei ragazzi, candidati poi a Uvrier, con l’intento di iniziare a convivere al bel sole del Sud della Francia contro le montagne selvagge del Valais.
L’Aspirantato (Juniorat) ebbe inizio il 2 ottobre 1927 a Montauban con cinque alunni, reclutati nelle diocesi vicine di Montauban, e dopo si svilupperà, piuttosto lentamente di fronte dei bisogni della Provincia.
I ragazzi, per gli studi, seguono i corsi del Seminario minore, vicino alla residenza dei Missionari, e, per il resto, sono affidati ad un Padre delegato specialmente alla loro formazione morale e religiosa.

Le Province francesi sono state molto attente agli Aspirantati, per accogliere, formare e avviare i ragazzi alla vita religiosa (la foto mostra gli aspiranti con la comunita a Saint-Étienne, Loire – foto in AGHR).

_________________ 

IN MEMORIAM 

Fr. Aloyse (Fehr). Uvrier, 1894.
Il caro Fratello Aloyse nacque il 18 novembre 1815, nella diocesi di Basilea. Umiltà e osservanza della Regola furono le due virtù che brillarono nell’anima di questo caro Fratello; la modestia e la pietà erano all’altezza della sua osservanza, tanto che parlava ai superiori col tono più umile.
La devozione verso il Santissimo Sacramento era notevole. Lo si vedeva, col corpo curvato dall’infermità, trascorrere ore intere davanti all’altare.
Il caro Fratello morì in osculo Christi, cinque minuti dopo avere fatto la santa comunione. Ci basta la testimonianza del Reverendissimo Padre Mauron: «Il caro Fratello Aloyse era un eccellente religioso, era una bella anima!» – «Justus autem meus ex fide vivit». Eb. 10, 38.
Professione: 13 aprile 1846.

_________________ 

P. Georges Dron. Gérimont (Belgique), 1903.
Il P. Dron nacque a Schirmeck (Vosges), il 24 maggio 1844. Fece i primi studi al seminario minore di Pont-à-Mousson e li finì al seminario maggiore di Nancy.
Ordinato sacerdote, i superiori lo destinarono alla casa di Châteauroux. Durante la guerra del 1870, si dedicò al servizio dei feriti e dei malati ricoverati nel convento trasformato in ambulatorio.
Diventato missionario, il Padre Dron, pur non essendo un oratore, acquistava la stima e l’affetto delle persone che evangelizzava e dei confratelli. «È un uomo di Dio », diceva il popolo.
Per la pietà, la bontà e la fermezza, mise fine in una parrocchia ad un scisma che durava da nove anni. Avvenne in occasione della rivolta dei religiosi di Loigny: era stato decretato contro la parrocchia l’interdetto e la scomunica; il P. Dron ebbe ragione dell’orgoglio dei ribelli.
Superiore e Maestro dei novizi a Houdemont, la sua naturale timidezza e la estrema delicatezza di coscienza gli rendevano insopportabile il governo di una comunità. Nominato ministro [=economo], si dedicò interamente alla prosperità materiale della casa.
Il P. Dron morì alcune settimane dopo il ritiro annuale, che aveva fatto con un fervore più che ordinario.  – “Memor fui Dei et delectatus· sum ” Sal. 76.
Professione: 15 ottobre 1867.
Ordinazione sacerdotale: 2 aprile 1870.

Il Castello di Gérimont in Belgio che ospitò la nascente Comunità redentorista. Morto il proprietario, entusiasta benefattore dei Redentoristi, il castello fu messo in vendita e i Redentoristi si trasferirono a Beauplateau.

 _________________ 

P. Gustave Vanhoutte. Lima, 1910.
Nato a Wasquehal, (Nord), il 17 giugno 1861, il P. Vanhoutte attinse al focolare domestico la profonda pietà che ne doveva caratterizzare la vita.
Fu uno dei primi Postulanti della Provincia ad Uvrier. Ordinato sacerdote, i superiori lo mandarono in America dove si dedicò alla salvezza dei poveri indios.
Lo studio del Quitchua, in cui incontrò grandi difficoltà, non sconcertò né raffreddò lo zelo. Enfatizzando ai suoi occhi ciò che egli chiamava suo handicap, si può affermare che partiva per la missione con le esatte disposizioni suggerite dalla Regola: grande fiducia in Dio, diffidenza di sé ed ardore totale per il lavoro, arrivando a grandi sacrifici.
Dio ricompensò lo zelo del fedele apostolo. Spossato dalla stanchezza; P. Vanhoutte morì durante una missione, fra le lacrime e i singhiozzi degli Indios ai quali si era tanto dedicato.
Il P. Vanhoutte era modello, misconosciuto a se stesso, delle preziose virtù apostoliche. – «Et nos debemus pro fratribus animam ponere». 1 Gv 3,16
Professione: 28 marzo 1880.
Ordinazione sacerdotale: 19 marzo 1886.

Lima Peru 1915 – La comunità redentorista col rettore P. Hocquard e il Visitatore P. Kern. Alcuni anni prima in questa comunità era morto il P. Gustave Vanhoutte (foto in AGHR)..

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
RACCOGLIMENTO = 2 ottobre
APRI

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Ottobre 2, 2019 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: In memoriam, Memoriale calendario
Tags: , ,