Leggi Offline:

22 maggio
EFFEMERIDI C.Ss.R = * S. Alfonso pubblica la Novena allo Spirito Santo.

* S. Alfonso pubblica la Novena allo Spirito Santo.

Nel 1767 S. Alfonso pubblicò questa novena insieme alla «Via della salute». Egli dice:
«Fra tutte le novene, quella dello Spirito Santo ha il primo posto, perché è stata celebrata dagli stessi apostoli e dalla Santa Vergine nel cenacolo ed è ricca di tanti prodigi e doni preziosi, prima di tutto del dono dello stesso Spirito Santo che Gesù ci ha meritato con la sua passione.
– Sappiamo inoltre per fede che lo Spirito Santo è il mutuo amore del Padre e del Verbo eterno; perché è il dono dell’amore che il Signore accorda alle nostre anime che è il più grande di tutti i doni ed è specialmente attribuito allo Spirito Santo.
Conviene dunque che in questa novena consideriamo principalmente il grande prezzo dell’amore divino, in modo che possiamo concepirne un grande desiderio e ci sforziamo di ottenerlo con pii esercizi e soprattutto con ferventi preghiere, dal momento che Dio l’ha promesso a chi lo domanda umilmente».
Oeuvres ascétiques, vol.VI,p.513. 

S. Alfonso scrittore illuminato dallo Spirito Santo – Vetrata in una chiesa redentorista del Perù.

____________________ 

IN MEMORIAM 

P. Blaise Kolly. Bischenberg, 1907.
Il P. Kolly è nato a Saint-Sylvestre, cantone di Friburgo, il 3 dicembre 1833. Durante la vita religiosa ebbe l’incarico di superiore per parecchie volte di seguito. A Saint-Nicolas-du-Port e a Contamine-sur-Arve lasciò opere dal gusto raffinato circa la decorazione della casa di Dio. La stessa cosa a Siviriez, cantone di Friburgo, ove esercitò il ministero parrocchiale dopo le espulsioni del 1880.
Come missionario, diede prova di una straordinaria attività. Il Padre Kolly fu modello di religioso, uomo di ordine e di osservanza regolare. Già al noviziato si distingueva per la grande mortificazione esteriore; allo studentato, per l’amore alla povertà e l’impiego coscienzioso del tempo.
Nonostante le sofferenze degli ultimi giorni che non gli lasciarono un’ora di riposo, era nemico dichiarato di ogni agevolazione personale. In verità poteva dire con l’Apostolo: “Cum Christo crucifixus sum cruci”. Pertanto morendo lasciò ai confratelli il ricordo di un religioso non soltanto corretto in tutto, ma che camminava sulle orme del divin modello, Gesù Cristo crocifisso.
Professione: 15 ottobre 1854.
Ordinazione sacerdotale: 9 agosto 1863.

Bischenberg 1904, Francia. – Tra i padri e fratelli della comunità si nota il P. Kolly. (foto in AGHR).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
POVERTA’ = 22 maggio
APRI

aa

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

maggio 22, 2018 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: In memoriam, Istituto redentorista, Le Opere, Lo Scrittore, Memoriale calendario
Tags: