Leggi Offline:

4 settembre
EFFEMERIDI C.Ss.R = * Spirito di preghiera di Sant’Alfonso nella composizione delle sue numerose opere.

* Spirito di preghiera di Sant’Alfonso nella composizione delle sue numerose opere.

Per decretare la santità di sant’Alfonso sarebbero sufficienti solo le sue opere pubblicate, poiché hanno per scopo la gloria di Dio, la difesa del dogma cattolico e della morale di Gesù Cristo, la santificazione, l’insegnamento e l’onore del clero e delle persone consacrate a Dio alle quali indicano il cammino che conduce alla più alta perfezione.
Il nostro santo autore cominciava a scrivere le sue opere dopo ferventi preghiere, lunghe meditazioni, ricerche e studi che durarono per tutta la vita, che fu quasi di un secolo. Non prendeva la penna senza avere invocato prima Gesù e Maria, le cui immagini erano continuamente sotto i suoi occhi durante la composizione degli scritti.
Rinnovava frequentemente devote invocazioni, ed anche al suono dell’orologio non mancava mai di rinnovarle. Al fine di procurare la gloria di Dio e rendersi più utile alle anime, fece l’eroico voto di non perdere mai neppure un minuto di tempo.
I suoi libri hanno bisogno di essere meditati; sono scaturiti dal cuore, sono l’espressione dei suoi sentimenti per Dio ed il frutto delle visite giornaliere al Santissimo Sacramento.
Spesso non è Alfonso che parla, ma Dio che ha guidato la sua mano. Il suo linguaggio è succo delle Sacre Scritture e dei Santi Padri; e ciò spiega questa meravigliosa unzione che regna in tutti gli scritti.
Quale ricompensa deve meritare per tante opere diffuse in tutto il mondo cattolico, colme di salutare dottrina, per la santificazione di una infinità di anime!
VILLECOURT, Vita di Sant’Alfonso, Vol. IV, P. 239. 

S. Alfonso scrittore. Tela nella Casa redentorista di Tukow in Polonia.

___________________ 

IN MEMORIAM 

P. Antoine De Corcuera Alana. Granada (Spagna), 1895.
Il P. Antoine era di origine spagnola. Nacque l’11 agosto 1867, a Fontecha, ed entrò nell’Aspirantato di Espino. Fin dalla tenera età amava seguire il curato che portava gli ultimi sacramenti ai malati. Questo amore per i malati, lo conservò vivamente per tutta la vita.
Lo spirito di penitenza lo portava talvolta a fare mortificazioni esagerate; peciò il suo prefetto, e più tardi i superiori continuavano a correggerlo da questo difetto.
Accettò con rammarico l’annuncio della morte, tanto bruciava dal desiderio di predicare le missioni e lavorare per dare anime a Gesù Cristo. Non potendo più celebrare la santa messa a causa della gravità del suo male diceva: «Era la mia solo medicina ».
Morì nella novena della Natività, come aveva tante volte chiesto alla Madonna, e nel momento in cui, vicino a lui, si leggevano le parole di Gesù morente sulla Croce. —«Zelus domus tuae comedit me». Sal. 68.
Professione: 2 febbraio 1889.
Ordinazione sacerdotale: 28 dicembre 1893.

Granada (Spagna) 1915 – Abside, presbiterio e altare maggiore dedicato alla Madonna del Perpetuo Soccorso. (foto in AGHR).

___________________ 

P. Joseph Muller. Cuenca (Equatore) 1912.
Il P. Muller nacque ad Eckartswiller (Bas-Rhin), il 18 giugno 1841. Entrato nella Congregazione, ebbe la gioia di essere iniziato alla vita religiosa dal. P. Desurmont.
Dopo aver predicato le missioni in Alsazia, prima dell’anno 1870, ne fu espulso dal Kulturkampf.
Destinato dai superiori per le missioni dell’America, si recò a Riobamba. Anche qui ne fu espulso dalla persecuzione, poi andò a Cuenca, dove poté liberamente esercitare il suo zelo. Oltre tre quarti delle città e dei villaggi della montagna furono da lui evangelizzati.
La dolcezza del relazionarsi, la pietà, la perfetta equanimità, una grande nobiltà di animo, lo spirito di sacrificio, furono le qualità che lo fecero amare dai confratelli.
Il P. Muller contrasse la malattia della peste bubbonica al lazzaretto e ne morì. —«Beati misericordes, quoniam ipsi misericordiam consequentur». Mt, 5, 7.
Professione: 21 novembre 1861.
Ordinazione sacerdotale: 21 dicembre 1867.

Il P. P. Joseph Muller è tra questi Padri della Comunità di Riobamba (Ecuador) nel 1904: Fersing, Gossart, Castelain (prov.), Baumer, Muller (foto in AGHR).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
MORTIFICAZIONE = 4 settembre
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Settembre 4, 2019 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: In memoriam, Memoriale calendario, Profili letterari
Tags: