Leggi Offline:

Logo Novena

Novena alla Madonna del Perpetuo Soccorso – 9° giorno

Nono giorno
1. Note artistiche sulla sacra Icona.
2. Amiamo la Madonna e propaghiamo la sua devozione.

1 – Note artistiche sulla sacra Icona.

  • Il Prof. Zocchi, dell’Accademia d’Arte a Roma, affermava: “L’effigie della Madonna del Perpetuo Soccorso è un’opera d’arte e di sentimento”.
  • Il P. Andrea Basquin la definisce “il tipo perfetto delle immagini della scuola greco-russa: un capolavoro dei più caratteristici di questo genere di pitture mariane, degno di essere studiato attentamente”.
  • Eugenio Guillaume, Direttore dell’Accademia francese, la prima volta che vide la nostra Madonna, esclamò: “Bellissima!… È lavoro da maestro, che ha superato in esso delle difficoltà non indifferenti… Riuscitissimo è lo scorcio della parte anteriore del piede di Gesù Bambino, che denota una conoscenza profonda dello scorcio, difficilissimo a rappresentarsi nella pittura”…
  • Il Prof. Homer Eaton Keyes notava che “il Fanciullo Gesù, spaventato dalla visione della sua futura passione, costituisce una nuova idea iconografica, mente il sandalino che si sfibbia aggiunge al quadro un senso di umano realismo”.
  • Alcuni critici trovano nella testa del Santo Bambino alquanto piccola nei confronti del corpo, un difetto artistico, comune del resto a tutte le icone bizantine: difetto che si perde di fronte all’insuperabile idea madre del dipinto, di Maria corredentrice e mediatrice di universale di grazia.
  • I Padri Redentoristi D’Orazio e Buschi pensano che il pittore della nostra Madonna, che i più l’attribuiscono a un certo Andrea Rico da Candia, l’abbia effigiata in un momento particolare di grazia… “Quel volto soffuso d’infinita mestizia, quelle labbra che sembrano aprirsi a un dolce ma accorato rimprovero all’umanità, che col peccato prepara al divino Infante gli strazi della croce, quegli occhi, specialmente, che sembrano seguirci dovunque e che, una volta contemplati, non si possono più dimenticare, ci rassicurano eloquentemente che la sacra Icona è il lavoro di un’anima veramente cristiana, che molto deve aver amato la Madonna…”.

(P. Alfonso Barba).

L’ultimo restauro dell’icona della Madonna del Perpetuo Soccorso

Nel 1990, l’immagine della Madonna del Perpetuo Soccorso venne tolta dall’altare maggiore per soddisfare la richiesta di poter ottenere nuove fotografie dell’Icona.
Fu allora che si scoprì il suo stato di serio deterioramento: tanto il legno quanto la pittura avevano sofferto seriamente per i cambiamenti ambientali subiti e dei maldestri tentativi di restauro.
Il Governo Generale dei Redentoristi decise allora di contattare i servizi tecnici del Museo Vaticano per procedere ad un restauro generale dell’Icona che avrebbe risolto il fenomeno della screpolatura e dei funghi che stavano minacciando danni non più restaurabili.

La prima fase del restauro consisteva in una serie di raggi x, di immagini infrarosse, di analisi qualitative e quantitative della vernice, e di altri test infrarossi ed ultravioletti. I risultati di queste analisi, e soprattutto un testo al carbonio 14, indicarono che il legno dell’Icona del Perpetuo Soccorso poteva tranquillamente essere datato agli anni 1325-1480.

La seconda fase di restauro consisteva nel lavoro fisico di ritoccare i settori affetti, di rafforzare la struttura che sosteneva l’icona, ecc. Questo intervento fisico venne limitato allo stretto necessario perché, come avviene anche per le operazioni chirurgiche sul corpo dell’uomo, ogni lavoro di restauro, provoca sempre un qualche trauma. L’analisi artistica collocava la pigmentazione della vernice ad una data più recente (dopo il 17° secolo): ciò spiegherebbe perché l’Icona offre una sintesi di elementi orientali ed occidentali, soprattutto nell’aspetto dei volti.

9-31-32a

* * * 

2- Amiamo la Madonna e propaghiamo la sua devozione.

Propagare la devozione della Vergine del Perpetuo Soccorso: non è questa la volontà di Dio?
Pio IX, consegnando questo miracoloso quadro al P. Mauron, Superiore Generale dei Padri Redentoristi, gli disse: «Fate che la conoscano tutti». Non ci dice Gesù lo stesso nel fondo del nostro cuore?
Pensiamo inoltre e meditiamo che dipende da ciò la salvezza di molte anime, e quella della nostra. Noi vediamo che tutto il mondo arde nelle fiamme della concupiscenza; vediamo che sono in procinto di precipitare nell’inferno migliaia e migliaia di anime, parenti, amici, conoscenti! Sappiamo pure che se queste anime conoscessero la Vergine e la invocassero, si salverebbero.
E non facciamo nulla per esse? Qualche preghiera, almeno qualche piccolo sacrificio, qualche mortificazione.
Sappiamo inoltre che nessuna cosa assicura di più la nostra salvezza eterna quanto il lavorare con zelo e amore per salvare gli altri.
Basterà questo pensiero a strapparci dal nostro fatale letargo? Non rassegniamoci a vivere la nostra vita … in maniera inutile ed entrare nell’eternità a mani vuote.

Alza, anima pigra, alza i tuoi occhi, e guarda come la Vergine del Perpetuo Soccorso ha già chiese e devoti in quasi tutto il mondo. Cento cinquant’anni fa quell’immagine giaceva sepolta tra ruderi e rovine, e oggi brilla come sole glorioso nel cielo della Chiesa. Ieri stava nascosta nell’angolo di un remoto e privato Oratorio, oggi non vi è nazione cristiana che non le abbia innalzato un altare, e che non si pieghi ai suoi piedi ad implorare il suo perpetuo soccorso.
Ciò è dovuto in gran parte all’opera di diffusione di instancabili missionari, di ferventi sacerdoti, e di anime innamorate di questa devozione; ma più alle grazie che Maria diffonde invocata sotto questo titolo “Perpetuo Soccorso”.
La Madonna gradisce il culto e la devozione al suo titolo di «Perpetuo Soccorso».
E tu, anima mia, che hai fatto per la Vergine? Cosa fai? Parli di Lei? Diffondi la sua devozione? Dai qualche offerta per il suo culto?
Se poco o niente fai per lei, come puoi dire che l’ami?

* * * * *
Vai all’itinerario della Novena

__________________________

Soccorso Anniversario-logo3

Visita altre pubblicazioni

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Giugno 26, 2015 at 12:07 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Religiosità popolare
Tags: