Leggi Offline:

P. Patrick Joseph Power, C.Ss.R. 1922-2916 – Canada.

P. Patrick Joseph Power, C.Ss.R. 1922-2916.

Il redentorista P. Patrick Joseph Power, C.Ss.R. 1922-2916 – Canada, Provincia di Toronto. Splendida figura di Fratello redentorista, prima, e di zelante sacerdote poi, che ha aiutato i più abbandonati in patria e, soprattutto in Thailandia, con la sua maestria di falegname. È morto a 94 anni.

Dati ufficiali

  • Cognome = Power
  • Nome = Patrick Joseph
  • Nazionalità = Canada – (Provincia di Toronto)
  • Nato = 20-Mar-1922
  • Morto = 24-Mag-2016
  • Professione = 02-Ago-1950
  • Sacerdote = 22-Giu-1966

Padre Patrick Power, Maestro falegname per i più abbandonati.
Più noto per il suo mestiere unico di falegname, P. Patrick Power, è morto il 24 maggio 2016 al Centro St. Clement a Liguori, Missouri, dove si era ritirato dopo sei decenni come Redentorista.
Come Fratello, prima, e poi come sacerdote, P. Patrick rimase sensibile alle esigenze dei poveri, avendone conosciuto le lotte in prima persona, come uno dei 10 figli cresciuti sull’isola di Colinet nella baia di Santa Maria.

Nato il 20 marzo 1922 ed educato presso la scuola “Star of the Sea” in una stanza, ha lasciato la scuola a 15 anni dopo aver completato l’equivalente del Grado 9 e si unì alla pesca commerciale, osservando che “ogni uomo sull’isola era un pescatore-coltivatore”.
Il sostentamento principale era la pesca del merluzzo, mentre ogni famiglia producevano le proprie verdure, allevava qualche pecora, un maiale e una mucca.
Dal padre Pat ereditò l’amore e l’abilità di carpenteria, lavorando alla costruzione di barche e altre forme in legno.

Anche se un sacerdote irlandese faceva visita all’isola ogni sei mesi, egli ha conservato la grande fede degli isolani circa la devozione al rosario e la protezione di Dio attraverso Maria e i santi. Ha mantenuto vivace la loro fede, la cultura e le abitudini irlandesi “.
Fin dall’età di 12 anni, Pat nutrì la vocazione sacerdotale. Ragazzo inquieto di 19 anni, lasciò casa per trovare un lavoro più stabile. Scrisse più tardi: “Odiavo il merluzzo, la pesca e l’agricoltura con la loro incertezza di successo di anno in anno”.
Sulla terraferma di Terranova, egli ha trovato lavoro come falegname, pittore, lavoratore di ferro, camionista e meccanico nelle basi aeree degli Stati Uniti a Gander, Argentia e Harmon Field, mandando la maggior parte dei suoi stipendi a casa per aiutare le finanze della famiglia.

Nel 1947 lasciò Newfoundland per Boston per un salario migliore; lavorò come meccanico e poi su un cargo del lago guadagnò abbastanza soldi per pagarsi il seminario, in quanto non aveva dubbi sulla sua vocazione sacerdotale.
Dopo aver abbandonato il lavoro in un negozio di macchine a Detroit, fu consigliato da un prete della chiesa vicina a cercare una Comunità religiosa con i fratelli, perché essendo un 25enne era troppo adulto per entrare in seminario. Dopo aver visitato una serie di Congregazioni a Detroit, Pat suonò al campanello della chiesa del SS. Redentore sulla Avenue Junction e fu salutato da un fratello. Quel primo incontro e i successivi  gli confermarono “che i Redentoristi erano “Dove Dio mi chiamava”.

Fece il noviziato e la professione nel 1950, prendendo il nome religioso di fratello Kevin. Come membro della Provincia di St. Louis, è stato assegnato a Libanon, nell’Indiana, come sacrestano, autista di bus scolastico e addetto alla manutenzione; poi alla chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso, una parrocchia spagnolo di San Antonio, Texas.  Oltre a guidare un autobus scolastico e un autobus per la Messa domenicale, lavorò alla ricostruzione di una scuola e alla costruzione di un’altra.
Mandato nella missione in Thailandia (1953-1960) quale primo Fratello Redentorista, il suo primo progetto fu di costruire una barca che fu attrezzata e varata per la missione. Fece la professione perpetua e nei successivi sei anni fu impegnato ad eseguire richieste di costruire chiese, scuole e Case per i sacerdoti.

Da un sacerdote degli Stati Uniti, venuto in visita, apprese dell’apertura del sacerdozio ad uomini adulti. Dopo aver ottenuto il permesso, lasciò la Tailandia nel 1960 e fu ammesso ai corsi preparatori e successivamente agli studi del Seminario di Oconomowoc, Wisconsin.
Realizzando il suo sogno di sacerdozio, all’età di 44 anni, Padre Power fu ordinato sacerdote nella chiesa di S. Alfonso in S. Louis, Missouri il 24 giugno 1966. Per la sua prima messa, Padre Power ritornò all’isola di Colinet per celebrare la liturgia in una delle due piccole cappelle dell’isola.
Padre James Mason, presente alla Messa, ricordava il gioioso evento, non solo per l’ordinazione sacerdotale, ma per il ritorno temporaneo degli Isolani, che il governo di Terranova aveva trasferito sulla terraferma nei primi anni ’60.

Nel 1969, si trasferì nella provincia redentorista di Toronto e si riunì con suo fratello Alberto, più anziano di 18 mesi, che aveva seguito le orme dei Redentoristi, professando come fratello nella Provincia di Toronto nel settembre 1955.
Padre Power testimoniava che suo fratello Albert e i suoi genitori ebbero grande influsso su di lui nei suoi anni formativi.
Nei successivi due decenni, Padre Power prestò assistenza pastorale in diverse chiese, contribuendo ad abbellirle con la sua arte.

Al fine di sostenere un lebbrosario redentorista a Khon Kaen, Thailandia, i suoi pezzi artistici in legno (tavoli, modellini di navi tra cui il Blue Nose) furono venduti, ricavando migliaia di dollari per l’acquisto di medicine e per costruire una clinica. “Non si può credere come sono felici le persone, quando do loro l’opportunità di sostenere quei lebbrosi e la causa dei più poveri di Thailandia”, ha annotato in un articolo di giornale Padre Power.
Dal 1996 viveva al monastero della Madonna del Perpetuo Soccorso a Kansas City, Missouri, dove ha continuato a sostenere le missioni facendo e vendendo pezzi in legno intarsiato, tra cui cestini su misura.

Nel 2002, Padre Power fu trasferito alla Provincia di Denver.

Leggi articolo pdf  in inglese

___________

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

maggio 19, 2017 at 12:05 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , , ,