Leggi Offline:

PreghieraContinua4bis5 Sett. di Pasqua – giovedì 22/5/14 – Preghiere per le feste mariane = SS. Madre di Dio – (1 genn.)
“Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno” (Lc 1,42)

* Tu, o Benigno, che per noi sei nato da una Vergine… non disprezzare coloro che plasmasti con la tua mano; mostra il tuo amore per gli uomini, o Misericordiosó! Ascolta colei che ti ha generato, la Deipara che intercede per noi, e salva, Salvatore nostro, un popolo desolato.
(Pregbiere di rito bizantino alla Madre di Dio p 39‑40).

________________

* Figlia sempre vergine, che potesti concepire senza intervento d’uomo! Perché Colui che tu hai concepito ha un Padre eterno. Figlia cala stirpe terrestre che portasti il Creatore nelle tue braccia divinamente materne! …
Veramente tu sei più preziosa di tutta la creazione, perché da te sola il Creatore ha ricevuto in eredità le primizie della nostra materia umana. La sua carne fu fatta della tua carne, il suo sangue del tuo sangue; Dio si è nutrito del tuo latte, e le tue labbra, hanno toccato le labbra di Dio…
O Donna tutta amabile, tre volte beata! « Tu sei benedetta fra le donne, e benedetto è il frutto del tuo seno » O Donna, figlia del re Davide e Madre di Dio, re universale! Divino e vivente capolavoro, di cui Dio creatore si compiace, il cui spirito è guidato da Dio e attento a lui solo… Per lui tu sei venuta alla vita, in grazia di lui servirai alla salvezza universale, affinché per mezzo tuo si compia l’antico disegno di Dio, che è l’incarnazione del Verbo e la nostra divinizzazione.
(S. Giovanni Damasceno, Homilia in nativ. B.V.M. 6, 7.9).

_______________

da “Intimità divina”
Roma 1992

O Maria, che un giorno hai avvolto in fasce il tuo Figlio innocente, lega ora me peccatore: legami a Gesù, affinché non mi allontani più dai suoi piedi. Aiutami a vivere e a morire sempre legato a lui, così un giorno avrò la gioia di entrare nella patria felice, dove non potrò e non avrò più il timore di sciogliermi dal tuo santo amore. (S. Alfonso).

O Maria, io confesso che tu sei vera Madre di Dio, e per questa verità son pronto a dare mille volte la vita. Ma se vsei la Madre di Dio, sei ancora la madre della nostra salvezza e di noi poveri peccatori, giacché per salvare i peccatori Iddio si è fatto uomo e ti ha fatto sua Madre (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

maggio 22, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: ,