Leggi Offline:

X TO – Martedì – La preghiera liturgica
 Signore, sia lia mia preghiera come incenso al tuo cospetto (Salmo 141,2).

• Mio Dio, quanto sarei avvilita della mia debolezza e nullità se, per lodarti, riverirti, glorificarti, non avessi Gesù Cristo, unico mio Bene, che lo fa ottimamente! Affido a lui le mie impotenze e mi rallegro che egli è tutto ed io nulla…
O Gesù, in te posseggo tutto. Tu sei il mio Capo ed io sono realmente un tuo membro. Tu preghi, adori, ti umilii, ringrazi in me e per me, ed io in te, poiché il membro è tutt’uno col Capo. La tua vita tanto santa e grande assorbe la mia, sì vile e meschina.
Tu sei eccellentemente la mia riconoscenza. Prenderò il calice della salute e con te offrirò un’ostia di lode, un sacrificio gradito, degno di Dio, sovrabbondante.
(B. M. Teresa de Soubiran, p 249. 259). 

 

• O Gesù, sei tu colui che io adoro come centro della Liturgia; sei tu che dai l’unità a questa Liturgia che posso definire il culto pubblico e ufficiale della Chiesa…
Tutto, nel culto mosaico, preparava la Liturgia cristiana di cui tu, o Gesù, sei il centro e la vita. Tu solo sei l’inno perfetto, perché sei la vera gloria del Padre; nessuno può glorificare degnamente il Padre se non per mezzo tuo: « Per lui, con lui e in lui, a te Dio Padre… ogni onore e gloria.
O Cristo, tu sei il tratto di unione tra la liturgia della terra e la liturgia del cielo alla quale associ più direttamente i tuoi eletti. La tua Incarnazione è venuta a unire in modo sostanziale e vivente l’umanità e la creazione intera alla liturgia divina. È un Dio che loda Dio: lode piena e perfetta che tocca il suo apogeo nel sacrificio del Calvario.
(G. B. Chautard, L’anima dell’apostolato V, p 237‑8).

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

 

 Mio Dio, ti offro l'agnello immacolato in soddisfazione de' miei peccati e di quelli di tutti gli uomini. Ecco l'agnello che vedesti un giorno sagrificato per la tua gloria e per la nostra salvezza sull'altare della croce. Per amore di questa vittima a te così cara, applica i suoi meriti all'anima mia e perdonami quanti disgusti ti ho dati per il passato, gravi e leggieri. Io me ne dolgo con tutto il cuore per aver offeso te, bontà infinita (S. Alfonso).

Mio Dio, ti offro l’agnello immacolato in soddisfazione de’ miei peccati e di quelli di tutti gli uomini. Ecco l’agnello che vedesti un giorno sagrificato per la tua gloria e per la nostra salvezza sull’altare della croce. Per amore di questa vittima a te così cara, applica i suoi meriti all’anima mia e perdonami quanti disgusti ti ho dati per il passato, gravi e leggieri. Io me ne dolgo con tutto il cuore per aver offeso te, bontà infinita (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Giugno 10, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: