Leggi Offline:

09Settembre14

22ª settim. TO. – Lunedì – Padroni di sé
Concedimi, Signore, temperanza e mitezza, frutti dello Spirito Col 5, 22).

• Signore Dio, Padre onnipotente, Gesù buono, abbi pietà di me peccatore e concedimi il perdono dei miei peccati.
Fa’ che mi guardi da tutte le insidie dei miei nemici, dalle tentazioni, dai dilettamenti nocivi e li vinca; fa’ che mi astenga decisamente dal pensare e dal fare ciò che proibisci; fa’ che ti serva e ti ami quanto vuoi e che viva secondo la tua volontà.
Dammi, Signore, la compunzione del cuore, l’esercizio della pietà, la virtù dell’umiltà… Dammi l’intelligenza, l’amore e il diletto dei tuoi comandamenti, la facilità e la riuscita nel custodirli, una instancabile perseveranza per cose più grandi; fa’ che progredisca con umiltà e mai venga meno.
Non abbandonarmi, Signore, né all’umana debolezza o ignoranza, né ai miei meriti, né ad alcun’altra cosa, se non alla tua volontà.
Disponi tu benevolmente, Signore, di me e di tutti i miei pensieri e azioni secondo il tuo beneplacito, affinché da me, in me e di me sia fatta solo e sempre la tua volontà.
(S. Anselmo, Orationes 11)

_________________

• Fa’, o Signore, che manteniamo la concordia nel nostro intimo, con umiltà e autodominio; fa’ che ci teniamo lontani da ogni mormorazione e maldicenza, e riponiamo la nostra giustizia non nelle parole ma nelle opere…
La nostra lode deve venire da te, o Dio, deve essere fatta da te e non da noi stessi, poiché tu odi coloro che lodano se stessi. Siano gli altri a comprovare la bontà delle nostre azioni come avvenne già per i nostri padri santi.
L’arroganza, la sfrontatezza, la temerarietà ci meritano la tua ‑ maledizione; la modestia, l’umiltà, la mitezza ci ottengono la tua benedizione. Aiutaci dunque a ottenere questa benedizione…; a fare ogni sforzo con tutto il nostro ardore per compiere ogni opera buona.
(Clemente Romano, 1 Corinti 30‑1 . 33)

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Dobbiamo trattare il nostro corpo come un cavaliere tratta un cavallo furioso, tenendolo sempre con la briglia tirata acciocché non lo precipiti. (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Settembre 1, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: