Leggi Offline:

09Settembre14

22ª settim. TO. – Mercoledì – Dio solo è forte
Signore, mia forza e mio scudo, in te confida il mio cuore (Salmo 28, 7).

• Tu sei santo, Signore unico Dio, che operi meraviglie. Tu sei forte. Tu sei grande. Tu sei altissimo. Tu sei Re onnipotente, tu Padre santo, Re del cielo e della terra…
Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene, Signore Dio vivo e vero. Tu sei carità ed amore. Tu sei sapienza. Tu sei umiltà. Tu sei pazienza. Tu sei sicurezza. Tu ,sei quiete. Tu sei, gaudio ed allegrezza… Tu sei ogni ricchezza e sufficienza.
Tu sei bellezza. Tu sei mansuetudine. Tu sei protettore. Tu sei custode e difensore. Tu sei fortezza. Tu sei refrigerio.
Tu sei la nostra speranza. Tu sei la nostra fede. Tu sei la nostra gran dolcezza. Tu sei la nostra eterna vita, grande e ammirabile Signore, Dio onnipotente, misericordioso Salvatore.
(S. Francesco d’Assisi, Detti p 125‑6)

_______________

• Dio eterno, tu vedesti la fragilità di questa nostra natura umana, quanto ella è debole, fragile e misera, perciò tu, sommo provveditore che in ogni cosa hai provveduto alla tua creatura, tu rimediatore ottimo che in ogni cosa hai dato rimedio, ci desti la rocca e fortezza della volontà e l’accompagnasti con questa debolezza della carne; la quale volontà è tanto forte, che né demonio, né creatura la può vincere se noi non vogliamo, cioè se il libero arbitrio, nelle cui mani è posta questa fortezza, non acconsenta.
O bontà infinita, e donde viene tanta fortezza nella volontà della tua creatura? Da te, somma ed eterna fortezza; onde io vedo che ella partecipa della fortezza della volontà tua, perché dalla tua volontà ci desti la nostra. Onde noi vediamo che tanto è forte la nostra volontà, quanto ella seguita la tua; e tanto è debole, quanto se ne parte; perché a somiglianza della tua volontà creasti la nostra, perciò stando nella tua ella è forte…
Nella volontà nostra, Padre eterno, dimostri la fortezza della volontà tua; ché se in un piccolo membro tu hai data tanta fortezza, quanto stimeremo che sia la tua, che sei Creatore e Governatore di tutte le cose?
(S. Caterina da Siena, Preghiere ed Elevazioni p 93‑4)

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

L’amore di Gesù Cristo mette i suoi amanti in una totale indifferenza per cui tutto loro è uguale, il dolce e l’amaro; niente vogliono di quel che piace a se stessi, e tutto vogliono quel che piace a Dio (S.Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Settembre 3, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: