Leggi Offline:

PreghieraContinua01

5 gennaio = Gesù, un bambino davanti ai nostri occhi.
“Troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia” (Lc 2,13).

Gesù Bambino dorme
Caro e santo Bambino, tu dormi, e il tuo sonno quanto mi innamora! Per gli altri il sonno è figura della morte, ma in te è segno di eterna vita giacché, anche mentre riposi, tu mi stai meritando la salvezza eterna.  …
Anche dormendo tu preghi per me e m’impetri da Dio il riposo eterno del paradiso. Ma prima che tu mi porti, come spero, a riposare con te nel cielo, voglio che tu riposi sempre nell’anima mia.
Fa’ che io mi scordi di tutto per pensare a te, che sempre hai pensato a me e al mio bene. Fa’ che io t’ami sempre in questa vita, fino a quando l’anima mia, spirando unita a te nelle tue braccia, riposerà per sempre in te, senza più alcun timore di perderti.
O Maria, assistimi in vita e in morte, affinché Gesù riposi sempre in me e io riposi sempre in lui.

Gesù Bambino piange
Gesù mio, tu piangi e io, invece di consolarti col mio amore e con la mia gratitudine nel vedere quanto hai sofferto per salvarmi, ho accresciuto il tuo dolore e la causa del tuo pianto! Piangi, hai ragione di piangere nel vedere tanta ingratitudine degli uomini al tuo grande amore. Piangi anche per me: le tue lacrime sono la speranza mia. Redentore mio, anch’io piango i dispiaceri che ti ho dato; li odio e li detesto, me ne pento con tutto il cuore. Piango per i giorni e le notti infelici in cui vissi come tuo nemico e privo della tua bella grazia; ma le mie lacrime a che servirebbero senza le tue? Eterno Padre, ti offro le lacrime di Gesù Bambino; per esse perdonami. E tu, caro Salvatore, of­frigli tutte le lacrime che spargesti per me nella tua vita, e con esse placalo per me. Ti prego ancora, Amore mio: con le tue lacrime intenerisci il mio cuore e accendilo del tuo santo amore. O Maria, per la tenera compassione che provasti tante volte nel veder piangere Gesù bambino, ti prego di impetrarmi un continuo dolore per le offese che io ingrato gli ho fatto.

 _________________
(S. Alfonso, Novena del Santo Natale,  Da Natale all’Epifania, 6 e 7).

Eterno Padre, ti offro le lacrime di Gesù Bambino; per esse perdonami. E tu, caro Salvatore, of¬frigli tutte le lacrime che spargesti per me nella tua vita, e con esse placalo per me. Ti prego ancora, Amore mio: con le tue lacrime intenerisci il mio cuore e accendilo del tuo santo amore. (S. Alfonso).

Eterno Padre, ti offro le lacrime di Gesù Bambino; per esse perdonami. E tu, caro Salvatore, offrigli tutte le lacrime che spargesti per me nella tua vita, e con esse placalo per me. Ti prego ancora, Amore mio: con le tue lacrime intenerisci il mio cuore e accendilo del tuo santo amore. (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Gennaio 5, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: