17 marzo
Il Signore ci ha amato non solo col cuore, non solo con le parole, ma ancora con i fatti. Dunque per fedele corrispondenza dobbiamo ringraziarlo con l’amore del cuore, con l’espressione della lingua e con l’esercizio delle sante virtù. (Beato Gennaro Sarnelli, 1702-1744, in  L’anima illuminata: parte 1, cap. II, cons. XII, pratiche, Napoli V. Marchese1869).

 Da “Spigolature“, a cura di P. Pompeo Franciosa, 1987.

San Gerardo fuggì di casa per unirsi ai Missionari Redentoristi
Ascolta il canto “Gerardo Missionario del Signore
[audio:/SGerardo/01CantiGerardini/01MissionarioSignore1.mp3]

Sul portone di bronzo del Santuario a Materdomini (AV), l'artista Verdelocco ha fissato il momento della fuga di San Gerardo verso la santità.

z