Leggi Offline:

biografielogopdf

P. Raimund Ritter, C.Ss.R. 1933-2015 – Germania.

P. Raimund Ritter, C.Ss.R. 1933-2015.

Il redentorista P. Raimund Ritter, 1933-2015, Germania, Provincia di Monaco. Fu un “Bundesbruder” (Fratello federale) accolto da tutto il mondo culturale tedesco. Diresse per molti anni l’Istituto per la formazione degli insegnanti (Institut für Lehrerfortbildung). È morto a 82 anni.

___________

Dati Ufficiali

  • Cognome = Ritter
  • Nome = Raimund
  • Nazionalità = Germania – (Provincia di Monaco)
  • Nato = 27-Gen-1933
  • Morto = 13-Lug-2015
  • Professione = 29-Ago-1953
  • Sacerdote = 27-Lug-1958

Il “Bundesbruder” Dr. Raimund Ritter, sacerdote redentorista, è morto inaspettatamente il 13 luglio 2015 all’età di 82 anni.
È cresciuto nel ND di Monaco con Bernhard Vogel nel Glockenbachviertel; come Redentorista e sociologo universitario, è stato utile in molte aree del suo Ordine e nella nostra società.
Dopo Paul Groh Raimund è stato dal 1969 per 3 anni Cappellano Regionale del ND di Monaco.

Il suo successore in Gars, P. Dr. Dimpflmaier, scrive su Raimund: “Era un caro fratello, un grande mentore e un paziente compagno e un chiaro pensatore”.
Il sermone di requiem  con il funerale si sono svolti sabato 18 luglio 2015 nel monastero di Gars dove egli ha diretto l’Istituto per la formazione degli insegnanti (Institut für Lehrerfortbildung ) fino al 1995.
Lo rimpiangiamo insieme alla sua grande famiglia e ai suoi amici.
Possa Raimund vivere nella gloria di Dio!

Omelia ai funerali di P. Raimund Ritter
 – 18 luglio 2015 a Gars am Inn
Lettura di testi: Giobbe 19: 23-27; Giovanni 7: 14b-18

Caro Gabi, caro Ursula, cari Thomas, Andreas e Wolfgang con le vostre famiglie, amici e compagni di P. Ritter, cari fratelli, care sorelle e fratelli!

“Credo nel cielo ed è bello e sono sempre pronto a portarmi lungo la sua strada” – dice Raimund Ritter in appendice al suo direttive anticipate nel 2008.
Ha trascorso gli anni successivi fino a sabato scorso, dove è stato trasportato a Monaco di Baviera per emorragia cerebrale alla Klinikum Rechts der Isar, ma senza esito.
Egli più volte ha fatto capire a noi confratelli che sarebbe morto lontano. Lunedi scorso arrivò il momento. Ho l’mpressione che, se avesse ancora potuto parlare, avrebbe commentato in modo succinto “L’avevo detto!”.

Ci congediamo tutti da Raimund Ritter. Ed io voglio farlo, sapendo che noi umani siamo dono l’uno per l’altro. Raimund è stato un dono per la sua famiglia, in particolare per sua sorella Gabi, che lo ha accompagnato per decenni nella fratellanza. L’ha visitata fedelmente nell’ospedale, o nella sua casa, e andava a cena con lei ogni sabato e domenica.
È stato un dono anche per i suoi nipoti e le loro famiglie i loro bambini. È stato un dono per i suoi colleghi, per i suoi amici, per i suoi confratelli, per le molte persone che ha incontrato nel corso della sua vita.
Guardando indietro alla sua vita, posso solo cogliere alcune cose.E prego voi di aggiungere interiormente ciò che desiderate aggiungere dalla vostra memoria.

Comincio con il curriculum, che ha descritto in “Lettere ai nostri amici” in occasione dell’addio come direttore dell’Istituto per la formazione degli insegnanti qui a Gars in una edizione speciale nel marzo 1995:

“Ricordi della prima infanzia: ne ho delle vacanze estive annuali in una fattoria in Reitham a Oberland. Pasqua 1939, sono arrivato alla Blumenschule in Monaco di Baviera, sei mesi dopo l’inizio della guerra. Il primo bombardamento l’ ho sperimentato in un seminterrato non protetto…
Dopo la guerra, mi sono lasciato conquistare dalla federale Nuova Germania. Abbiamo fatto accampamenti e giostre, dove si sono sviluppate amicizie, alle quali devo molto. Subito dopo la laurea, sono entrato a far parte dei Redentoristi nel 1952. Da studente ero in grado di passare due volte le vacanze con i chierici francesi. Quindi ero abbastanza preparato linguisticamente.

Dopo l’ordinazione sacerdotale trascorsi l’anno accademico 1958/59 con una borsa di studio del governo francese a Parigi. Ho ascoltato teologi famosi, sociologi e politologi. Ho frequentato il teatro e i concerti ed esercitato il ministero pastorale in Francia. I  frutti sono stati alcuni articoli e la traduzione di diversi libri.
Successivamente ho studiato filosofia, sociologia e psicologia per altri quattro anni a Monaco.

Dopo la laurea nel 1963, sono diventato professore di filosofia e sociologia presso il nostro istituto a Gars. Nel 1967, il Prof. Dr. Alfons O. Schorb mi volle come assistente collaboratore  per l’Istituto Statale di nuova costituzione per l’educazione e la ricerca pianificazione dell’istruzione (lr).
Un aspetto importante del mio lavoro è stato la ricerca educativa regionale e le questioni di pianificazione spaziale. Da qui l’invito a partecipare a un gruppo di lavoro, la chiesa e la pianificazione territoriale, presso l’Ufficio cattolico di Bonn,  e la nomina di consulente della Sachkommission IX ‘Strutture pastorali’ Sinodo congiunto delle Diocesi nella Repubblica federale di Germania.

Oltre a lavorare per la IfB ho avuto insegnamento di sociologia presso l’Università di Scienze della Formazione, Università di Monaco (1969-1976), presso l’Università della Bundeswehr (1973-1976) e presso il Collegio dei Gesuiti (1971-1995) …
Nel 1972 fui coinvolto nella creazione dell’Istituto per la formazione degli insegnanti Gars, e dal 1973 al 1995 ne sono stato il direttore. “(Fine citazione)

Nel frattempo sono passati 20 anni.

Ecco alcune aggiunte al suo CV. Raimund Ritter è stato Responsabile della Ricerca Educativa – fino al suo 65 ° compleanno, il 27 gennaio 1998 dando un vero esempio e incoraggiamento.
Nel frattempo, l’Ordine dei Redentoristi a Monaco stava cercando un “procuratore provinciale”, un “rappresentante per le questioni di proprietà”, come diceva Raimund. Posso confermare, dalla collaborazione con lui: ha svolto questo compito lealmente, obiettivamente, in modo affidabile e con grande prudenza.
Nella nostra Hauskommunitä di Monaco era noto per la sua schiettezza, puntualità e lealtà.
Perciò ci chiedevamo se gli fosse successo qualcosa se non arrivava puntuale alle Lodi del mattino o alla Messa comune, o persino al bicchiere di vino della domenica sera.

È stato un dono per noi con il suo modo di vivere. Il suo stile di vita è stato ispirato dalla fede, dalla responsabilità davanti a Dio. Vogliamo riferirgli un versetto del Vangelo di Giovanni: “Chi cerca la gloria di colui che lo ha mandato è credibile, non c’è menzogna in lui” (Gv 7, 18).

Padre Dr. Hans Schalk

_____     Leggi il file pdf  ___ in tedesco

  Se hai bisogno del traduttore

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

marzo 13, 2018 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: ,