Leggi Offline:

La collaborazione dei nostri lettori.
Segnalazione di due opere di S. Alfonso

Giorno 14 febbraio 2012 un visitatore e lettore del nostro sito, Sebastiano Longo, ha scritto:
“Mi chiamo Sebastiano Longo, ho 46 anni, coniugato, Le scrivo da Acireale, provincia di Catania. Ho incontrato S.Alfonso casualmente a metà degli anni 90, leggendo parti di  un piccolo libro dell’800, Liguori Quotidiani, di cui Le invierò delle pagine scansionate in pdf, per poterlo eventualmente condividere sul suo blog/sito e che potrebbe essere interessante farlo leggere ad altri, come trovo molto interessante questo spazio da Lei realizzato.

Da allora ho acquistato diversi libri, iniziando da Apparecchio alla morte, Pratica di amar Gesù Cristo, Glorie di Maria, Visite al SS. Sacramento, ed altri che mi accompagnano nei momenti di maggior bisogno.
Sono geometra libero professionista, insegno da anni arti marziali giapponesi (Aikido) presso una palestra di Catania ed eseguo trattamenti Shiatsu in casa (un massaggio giapponese)
Sono stato per tre anni ministro straordinario della SS. Comunione presso la mia parrocchia.
Spero entro Domenica di inviarle almeno la copertina e l’indice del libro dell’800, avuto in regalo da una anziana amica di famiglia, adesso non più in vita, insieme ad altri libri.
Al momento la saluto, ringraziandola per il tempo concesso.

—– Buon pomeriggio, Padre, ho visto tra i libri che sono due quelli di S. Alfonso di cui invio due pagine di ognuno. Uno è   “Pratica di amar Gesù Cristo” nel dorso c’è scritto Liguori pratica (data 1808) l’altro è mancante delle prime 4 pagine, nel dorso c’è scritto Liguori Opere Spirituali (non si leggono date).
Nell’attesa di sua risposta Le porgo cordiali saluti.
Sebastiano Longo

Le foto dei due libri

Le Massime eterne furono pubblicate da S. Alfonso nel 1728.

La Pratica di amar Gesù Cristo fu pubblicata da S. Alfonso nel 1768.

 ======== Indicazioni bibliografiche di queste due opere =======

1. Massime eterne, cioè meditazioni
per ciascun giorno della settimana
 

Edizioni contemporanee a S. Alfonso
1728*
1737, Napoli, Naso, in Il Mondo Santificato di Gennaro Sarnelli.
1743, Napoli, Naso, in Il Cristiano Illuminato di Gennaro Sarnelli.
1749, Napoli, Pellecchia, in calce alle Visite al SS. Sacramento, in 32°, pp. 24.
1751, Napoli, Pellecchia, insieme alle Visite e all’Amore delle anime (pp. 191-214).
1754, Napoli, Gessari, insieme a Quiete per le anime scrupolose.
1755, Napoli, Gessari, nelle Operette Spirituali.
1759*, Venezia, Remondini. 

Sette meditazioni, in tre punti, sul fine dell’uomo, la morte il giudizio e l’inferno, divise secondo i sette giorni della settimana.
L’esemplare più antico è una brochure in 32° di 24 pagine. Questo opuscolo, datato 1761 secondo l’Elenchus Chronologicus Operum degli Acta Doctoratus, è probabilmente la prima pubblicazione di S. Alfonso, come insinua questo passo di Tannoja: “Ingiungeva ai penitenti di ascoltar la messa ogni mattina meditando tra quella la passione di Gesù Cristo, o qualche massima de’ novissimi al quale effetto ristretto aveva queste meditazioni in un libriccino che soleva donare”.
Questo risale all’epoca in cui il Santo era ancora prete secolare, agli inizi del suo ministero sacerdotale a Napoli, intorno all’anno 1728.

_____________

 2. Pratica di amar Gesù Cristo, tratta delle parole di S. Paolo : “Charitas patiens  est, benigna est, etc.” (I Cor. 13-4) data fuori per utile delle anime che desiderano  accettar la salute eterna e di camminar per la via della perfezione

 Edizioni contemporanee a S. Alfonso
1768, Napoli, Paci, in 12°, pp. XXII-325
1768, Bassano, Remondini.
1773, Bassano, Remondini, in 12°, pp. 336.
1774, Napoli, Stasi, in 12°, pp. 336.
1780, Napoli, Stasi, in 12°, pp. 332

E’ un trattato di perfezione, di cui S. Alfonso stesso disse: “La più devota, la più utile delle mie opere”.
Nei primi quattro capitoli egli parla dell’amore e dalla fiducia che Gesù Cristo merita in ragione della sua Passione e dell’Eucarestia; poi in tredici capitoli commenta il testo della prima lettera ai Corinti, “Charitas patiens est, etc.” e l’applica alle principali virtù da praticare per vivere e credere all’amore di Gesù Cristo.

_____________

Apri e leggi Le MASSIME ETERNE

Apri e leggi la PRATICA DI AMAR GESU’  CRISTO

Apri  OPERA OMNIA ITALIANA di S. Alfonso

 

 

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Febbraio 20, 2012 at 8:16 am da Salvatore
Categoria: Le Lettere, Lo Scrittore
Tags: