Leggi Offline:

L’annuncio della Parola oggi

    • 1. Vangelo e riflessione della 34.ma domenica TO_C- Cristo Re: “Signore, ricordarti di me quando entrerai nel tuo regno.”.
    • 2. Video-riflessione di G. De Nardi su (Lc 23,35-43 – da YouTube.
      3. Video -L’ultimo furto del buon ladrone: riconoscere il Re
      – da YouTube.
    • 4a. Video – Papa Francesco, l’arrivo in Thailandia – da YouTube.
    • 4b. Video – Papa Francesco Thailandia-leader religiosi 2019-11-22  – da YouTube.
    • 5. Video – Canto “Anima Christi” di Marco Frisina. – da YouTube.
    • 6. Video C.Ss.R. –  2019 Pagani: visita pastorale del Vescovo Giudice nel solco di S.Alfonso- da YouTube.
    • 7. Un insegnamento di S. Alfonso = Cristo scelse la via del sacrificio per riconciliarci..

_________

“La parola di Dio dimora in voi che avete vinto il maligno” (1Gv, 2,14).

1. Vangelo e riflessione della 34.ma domenica TO_C Cristo Re. (Lc 23,35-43).
“Signore, ricordarti di me quando entrerai nel tuo regno”.
In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».
Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».
E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

_________________

2. Video-riflessione di Giuseppe De Nardi su Lc 23,35-43  di Telepace Holy Land TV (dur. 7,31) – da YouTube.

_________________

3. Video – L’ultimo furto del buon ladrone: riconoscere il Re di Bella, prof! (dur. 14,02) – da YouTube.

_________________

4a. Papa Francesco, l’arrivo in Thailandia di Tv2000it (dur. 2,23) – da YouTube.

_________________

4b. Video – Papa Francesco Thailandia-leader religiosi 2019-11-22 di Vatican News – Italiano (dur.2,07) – da YouTube.

_________________

5. Video – Canto -Anima Christi di Marco Frisina. Con Myriam Manca di gianni di santo (dur. 4,00) – da YouTube.

_________________

6. Video C.Ss.R. – Pagani: visita pastorale del Vescovo Giudice nel solco di S.Alfonso – 18 Novembre 2019 di Telenuova Plus (dur. 3,24) – da YouTube.

_________________

7. Un insegnamento di S. Alfonso.
Cristo scelse la via del sacrificio per riconciliarci.

♦ Quando il Verbo divino si offrì a redimere gli uomini, gli si fecero avanti due vie di redimerli, una di gaudio e di gloria, l’altra di pene e di vituperi.
♥  Ma egli che con la sua venuta non solo voleva liberare l’uomo dalla morte eterna, ma anche attirarsi l’amore di tutti i cuori umani, rifiutò la via del gaudio e della gloria, e si elesse quella delle pene e dei vituperi: “in cambio della gioia che gli era posta innanzi, si sottopose alla croce (Ebr. 12, 2).
♥ Pertanto al fine di soddisfare per noi la divina giustizia ed insieme per infiammarci del suo santo amore, volle, qual facchino, caricarsi di tutte le nostre colpe; e, morendo su una croce, ottenerci la grazia e la vita beata. Ciò appunto volle esprimere Isaia quando disse: “Egli si è caricato delle nostre sofferenze,
si è addossato i nostri dolori (Is. 53, 4).
♦ Di ciò vi furono due espresse figure nell’antico Testamento.
La prima figura fu la cerimonia che si usava ogni anno del capro emissario (o espiatorio), sul quale il sommo sacerdote intendeva imporre tutti i peccati del popolo; e così poi tutti, caricandolo di maledizioni, lo cacciavano in una foresta ad esser ivi l’oggetto dell’ira divina.
♦ Quel capro figurava il nostro Redentore che volle da sé caricarsi di tutte le maledizioni da noi meritate per le nostre colpe: “diventando lui stesso maledizione per noi” (Gal. 3, 13), affin di ottenere a noi la benedizione divina.
♦ Quindi scrisse in altro luogo l’Apostolo: “Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore, perché noi potessimo diventare per mezzo di lui giustizia di Dio” (2 Cor. 5, 21).
Spiegano S. Ambrogio e S. Anselmo: quegli ch’era la stessa innocenza si presentò a Dio come fosse lo stesso peccato; insomma si vestì da peccatore e volle addossarsi le pene dovute a noi peccatori, per ottenerci il perdono e renderci giusti appresso Dio.
♦ La seconda figura del sacrificio che Gesù Cristo offrì per noi all’Eterno Padre sulla croce, fu quella del serpente di bronzo affisso ad un legno, a cui guardando gli Ebrei morsicati dai serpi infocati restavano guariti (Num. 21, 8).
♦ Onde poi scrisse S. Giovanni: E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna”. (Gv. 3, 14-15).

(S. Alfonso, Riflessioni sulla Passione di Gesù Cristo, Capo I, nn. 11-13).
Un link all’originale

_________________

La solennità di Cristo Re, che vediamo sulla croce, celebrata in questa ultima domenica del Tempo Ordinario, chiude il ciclo liturgico C.- Cristo Gesù, Re di gloria, ascoltaci: infondi anche in noi la sapienza della tua croce. – Domenica prossima con l’Avvento ripartirà il ciclo A. Il centro di tutto l’anno liturgico rimane Cristo, celebrato nel mistero del Natale, della Pasqua e poi della Chiesa, che inizia il suo cammino a Pentecoste. La Madonna e i Santi fanno corona a Cristo, unico Mediatore e Salvatore, e mostrano in maniera visibile che il mistero di Cristo si compie anche in noi tutti.

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Novembre 24, 2019 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Proprium liturgico
Tags: ,