Leggi Offline:

L’annuncio della Parola oggi

            • 1. Vangelo e riflessione della 5a domenica di Quaresima_C: “Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei”.
            • 2. Video-riflessione  di Giuseppe De Nardi su Gv 8,1-11 – da YouTube.
              3. Video – Il Vangelo: Gesù e l’adultera  (dur. 6,37)
              – da YouTube.
            • 4a. Video – Dio perdona anche agli omicidi pentiti – da YouTube.
            • 4b. Video – Assassinio di Livatino: si pente e si converte uno dei killer – da YouTube.
            • 5. Video – Papa Francescoin Marocco – Bellissima Ave Maria in Arabo – da YouTube.
            • 6. Video CSSR -Nocera Inferiore: P. Alfonso Vitale: musicista redentorista – da YouTube.
            • 7. S. Alfonso =Ciò che veramente conta alla fine. 

_________

“La parola di Dio dimora in voi che avete vinto il maligno” (1Gv, 2,14).

1. Vangelo della 5a domenica di Quaresima_C  (Gv 8,1-11).
“Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei”.

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.
Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».

_________________

2. Video-riflessione di Giuseppe De Nardi su  Gv 8,1-11 di Telepace Holy Land TV (dur. 6,02) – da YouTube.

3. Video – Il Vangelo: Gesù e l’adultera di Dodici Porte (dur. 6,37) – da YouTube.

_________________

4a. Video – Dio perdona anche agli omicidi pentiti di universo interiore (dur. 1,34) – da YouTube.

_________________

4b. Video – Assassinio di Livatino: si pente e si converte uno dei killer del giudice agrigentino di TG2000 (dur. 1,38) – da YouTube.

_________________

5. Video – Papa Francesco in Marocco – Bellissima Ave Maria in Arabo di Vatican News – Italiano (dur.5,15) – da YouTube.

_________________

6. CSSR Video – Nocera Inferiore: P. Alfonso Vitale: musicista redentorista di Telenuova Plus (dur. 4,00) – da YouTube.

_________________

7. S. Alfonso = Ciò che veramente conta alla fine. 
♦  Preghiamo sempre il Signore che ci doni la scienza dei santi, che Egli dà a chi gliela cerca. Oh che bella scienza è il sapere amare Dio e il salvarsi l’anima, che consiste nel sapere prender la via della salute eterna ed i mezzi per conseguirla.
♦ Un giorno Fra Egidio disse a S. Bonaventura: “Beato Voi, P. Bonaventura, che sapete tante cose, ed io povero ignorante non so niente; voi potete farvi più santo di me. – Gli rispose allora il santo: “Senti, se una vecchiarella ignorante sa amar Dio più di me, ella sarà più santa di me”. Da allora Fra Egidio si pose poi a gridare: “O vecchiarella, vecchiarella, senti, senti; se tu ami Dio, puoi farti più santa del P. Bonaventura!”.
♦ Beati coloro che intendono e si salvano l’anima; quelli che si danno a Dio: essi si chiamano uomini disingannati. Ma quelli che lasciano Dio per i beni del mondo, come debbono chiamarsi? Uomini ingannati.
* Fratello mio, di qual compagnia di costoro volete esser voi? Cristiano mio, se vuoi diventar savio, non basta conoscere l’importanza del tuo fine: bisogna prendere i mezzi per conseguirlo. Tutti vorrebbero salvarsi e farsi santi; ma poi non prendono i mezzi, non si fanno santi e rischiano di dannarsi.
♦ Bisogna fuggire le occasioni, frequentare i sacramenti, fare orazione, e prima di tutto seguire le parole del Vangelo: ” Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna” (Gv. 12, 25). La nostra salvezza sta nel fare la divina volontà.
O Padre delle misericordie, guardate le mie miserie, ed abbiate pietà di me; datemi luce e fatemi conoscere la mia passata pazzia, acciocché la pianga, e conoscere la vostra bontà infinita, acciocché l’ami. Eterno Padre, per i meriti di Gesù Cristo datemi la forza di eseguire tutto quello che a voi piace.
♥ Vi amo, o Dio dell’anima mia, vi amo sopra ogni cosa, e da Voi spero ogni mio bene, il perdono, la perseveranza nell’amor vostro e il paradiso per amarvi in eterno.
O Maria, cercate Voi per me queste grazie. Il vostro Figlio niente vi nega. Speranza mia, in Voi confido.

(S. Alfonso, Apparecchio alla Morte, Considerazione XX – Pazzia del peccatore. Punto III).
Leggi tutto

_________________

Le motivazioni per uccidere “legalmente” il prossimo storicamente hanno fatto un cammino di liberazione, anche religioso. La vita è un valore che nessuna motivazione può annullare. Ma ancora ai nostri giorni sono forti le tensioni: si continua ad uccidere. – Sopratutto si tenta di uccidere il bene (il perdono, la misericordia). Perché? Perché il male ha paura del bene e sa che ne uscirà sconfitto; perché l’odio si accanisce contro l’amore che perdona, sapendo che non riuscirà mai ad amare. E nell’amore c’è la vera vita! E perché Dio è Misericordia.

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

aprile 7, 2019 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Proprium liturgico
Tags: ,