Leggi Offline:

biografielogopdf

P. Władysław Zdunek, C.Ss.R. 1926-2018 – Polonia.

P. Władysław Zdunek, C.Ss.R. 1926-2018/Danimarca.

Il redentorista P. Władysław Zdunek, 1926-2018, Polonia, Provincia di Varsavia, poi di di Vienna-Monaco. Ha lavorato pastoralmente molti anni in Danimarca dove è morto all’età di 82 anni. Una figura interessante.

___________

Dati Ufficiali

  • Cognome = Zdunek
  • Nome = Władysław
  • Nazionalità = Polonia – (Provincia di Varsavia)
  • Nato = 26-Mar-1936
  • Morto = 07-Giu-2018
  • Professione = 15-Ago-1956
  • Sacerdote = 27-Ago-1961

Il 7 giugno 2018, il redentorista polacco P. Władysław Zdunek, appartenente alla Provincia di Vienna-Monaco, è morto a Copenaghen a 82 anni, con 62 anni di vita religiosa e 57 anni di sacerdozio.  I funerali hanno avuto luogo venerdì 15 giugnonella chiesa St. Anne a Copenhagen.

La sua autobiografia in un articolo del 2006
Leszek Wątróbski, “Dziennik Polski”, Londra, 3 marzo 2006:

Quest’anno, padre Władysław Zdunek, parroco di St. Niccolò a Hvidovre, ha celebrato tre giubilei: il 70 ° compleanno, il 45 ° anniversario dell’ordinazione sacerdotale e il 30° anniversario della pastorale in Danimarca. Grandi e meritevoli sacerdoti come lui oggi non sono molti tra noi.

Padre Władysław Zdunek è nato il 26 marzo 1936 a Uszew.

– Non ricordo molto da quel momento. I miei primi ricordi arrivano al 1939. Ricordo che le truppe tedesche entrarono nella nostra città; paura, pianto, retate, deportazioni per lavoro – soprattutto giovani. Hanno deportato mio fratello maggiore ai lavori forzati. E poi nell’autunno 1941 molte truppe, macchine, cani e poi spari nelle foreste vicine. I tedeschi organizzavano incursioni contro famiglie ebree che si nascondevano nella foresta. Due giorni dopo, arrestarono coloro che avevano aiutato le famiglie ebree, fornendo loro cibo. Con molti altri, i nazisti presero mio padre e lo imprigionarono a Tarnów. Quando tornò, era una rovina di uomo. Alla fine della guerra e dei lavoro forzato tornò mio fratello maggiore, che in seguito divenne prete.

L’educazione del giovane Władysław iniziò nella sua nativa Uszwia. Inizialmente, imparò abbastanza bene. Fu un po’ più difficile per lui alla scuola media di Brzesko, dove arrivava dopo molte miglia a piedi ogni giorno. Non apparteneva allo ZMP ed era considerato una pecora nera.
Dopo essersi diplomato, decise di passare alla l’Università Jagellonica. Fece domanda per la Maritime School di Tczew e l’University of Nutrition Technology di Czestochowa. Suo padre gli chiese di non andare via subito dopo la laurea, ma di aiutarlo nella fattoria. È così, per un anno, decise di cambiare decisione su cosa fare in futuro. C’erano molte proposte. Il fratello maggiore lo esortava a unirsi al seminario di Tarnów. I compagni lo consigliavano di iniziare l’istruzione superiore. Tuttavia, sentiva una forte vocazione religiosa.

– Nella ricerca di un Istituto religioso, sono andato prima a Cracovia. Poi sono venuto dai Redentoristi a Podgórze. Sono stato accettato e mi fu ordinato di presentarmi al monastero di Braniewo, al noviziato. Era il 1955. Non mi piaceva il fatto di essere trattati dal Maestro dei Novizi come dei piccoli bambini piccoli. Fortunatamente, Dio ha vegliato su di noi.
Tre mesi dopo, trasferirono il nostro noviziato a Łomnica, vicino a Krynica Górska. Avemmo  un nuovo maestro dei novizi, un vecchio nobile – padre Emanuel Trzemeski dei Borderlands. Era un uomo saggio, cordiale e aperto.
Durante le passeggiate ho avuto l’opportunità di parlare con lui per molto tempo. Poi ho capito che nella vita religiosa si può anche fare qualcosa di buono, e non solo eseguire gli ordini di qualcun altro ed essere solo un robot guidato da lontano. Mio padre arrivò con una grande valigia per la cerimonia dei primi voti religiosi. Pensavo mi avesse portato qualcosa e invece voleva riportarmi a casa: la valigia era vuota. Non sono ritornato a casa. Dissi che restavo lì “con questo rimarrò” sono 51 anni con i Redentoristi.

Poi ci sono stati studi filosofici e teologici. Prima a Toruń, dove ha completato lo studio di due anni in filosofia, e poi quattro anni di teologia a Tuchów, vicino a Tarnów. Lì, nell’agosto del 1961, fu ordinato sacerdote.

– La vita di sacerdote è apparsa diversa nella pratica rispetto alla teoria di cui siamo stati nutriti negli anni della formazione. Pensavo che i fedeli mi avrebbero svegliato e che avrei parlato loro solo del paradiso. Non era affatto così.
Per tutto il primo anno dopo l’ordinazione, ho lavorato a Tuchów: ero chiamato “una casalinga”, cioè, che sta in un monastero ed è sempre pronta ad ogni chiamata per una persona malata, morente, pronta ad ascoltare le confessioni e dare assistenza pastorale alle parrocchie vicine. Dopo un anno di pratica a Tuchów, sono tornato a Toruń per iniziare il cosiddetto secondo noviziato missionario.
Dopo di che, sono stato inviato a lavorare a Varsavia in Via Karolkowa. Per due anni ero lì, pronto a eseguire ordini e ordini. Due anni dopo sono diventato socio, o aiuto del prefetto nel nostro seminario di Tuchów, e poi il referente delle vocazioni religiose. Sono stato in questo compito per 8 anni. Questo lavoro mi è piaciuto molto.

Quando alcuni anni più tardi stavo facendo pastorale a Gliwice, i miei superiori mi mandarono a studiare al KUL a Lublino. La scelta cadde sulla psicologia. Dopo tre anni di studio, ho fatto un master e poi, lavorando ancora con i giovani e nell’ospedale oncologico di Gliwice, un dottorato in filosofia con specializzazione in psicologia dell’educazione. Lì, ho anche capito cosa significa guidare alla conoscenza. Non volevo lavorare in Polonia. Mi sentivo un po’ stretto lì. Ho deciso di andare al lavoro missionario in Bolivia. Ho fatto domanda per un visto, ma sfortunatamente mi è stato rifiutato due volte. E fu allora che padre Grochot mi invitò in Danimarca: era il gennaio 1976.

Ho iniziato a Copenaghen e ad Amager. Poi per tre anni fui un prete polacco a Odense e nei dintorni. Allo stesso tempo, andavo tre volte alla settimana per 4 ore alla Folkeuniversitet di Odense per imparare il danese. Dal 1° agosto 1979, ero parroco della parrocchia danese a Nyborg, e poi Assens. E ancora, il trasferimento a Copenaghen, alla pastorale polacca presso la Parrocchia di St. Anna sull’isola di Amager: 5 anni di lavoro interessante, pieno di sorprese. Un’altro trasferimento alla vicina parrocchia danese di St. Nicholas in Hvidovre, dove sono alla guida pastorale da quasi 14 anni.

I miei attuali parrocchiani sono danesi, vietnamiti e 16 famiglie polacche. Oltre alla Messa quotidiana. in danese, celebro anche la Santa Messa due volte al mese in polacco. I miei parrocchiani vengono, così come i contadini di altre parrocchie, perché si sentono bene nella chiesa di St. Nicola. Ci incontriamo spesso secondo un calendario denso di appuntamenti sociali. Sono il parroco della parrocchia danese, perché solo questa esiste in Danimarca. Io celebro le devozioni per i polacchi second il bisogno del cuore e per i vietnamiti come ricompensa alla loro religiosità e al loro attaccamento alla Chiesa cattolica.

 

Il padre Zdunek è oggi uno dei più illustri sacerdoti polacchi che lavorano in Danimarca.
Per molti anni, a partire dal 1989, ha anche lavorato come coordinatore della missione cattolica polacca in Danimarca. Per anni è stato anche cappellano del Circolo dell’esercito di casa, cappellano del Circolo indipendente dell’Associazione dei veterani polacchi.
È stato anche cofondatore della Polish Scouting Association in Danimarca e suo cappellano.
È stato anche cappellano della Polonia House a Copenaghen organizzando celebrazioni religiose e nazionali. Oggi lavora ancora tra noi e per noi: e per questo lo ringraziamo calorosamente.

_____     Leggi il file originale pdf  __ in polacco

  Se hai bisogno del traduttore

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

luglio 13, 2018 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , , ,