Leggi Offline:

P. Desmond D’Souza, C.Ss.R. 1939-2016 – India.

P. Desmond D’Souza, C.Ss.R. 1939-2016 – India.

Il redentorista P. Desmond D’Souza, C.Ss.R. 1939-2016 – India, Provincia di Bangalore. Grande apostolo dei diritti umani della gente sfruttata e asservita dallo sfruttamento della prostituzione. Ha insegnato Storia della Chiesa, Analisi sociale e Dottrina sociale della Chiesa: molti dei suoi ex studenti successivamente sono diventati suoi superiori e vescovi. È morto improvvisamente per attacco di cuore a 76 anni, mentre lo operavano.

Dati ufficiali

  • Cognome = D’Souza (DeSouza)
  • Nome = Desmond
  • Nazionalità = India – (Provincia di Bangalore)
  • Nato = 27-Set-1939
  • Morto = 14-Mag-2016
  • Professione = 02-Ago-1959
  • Sacerdote = 24-Set-1966

Centinaia di persone il 17 maggio 2016 hanno partecipato al funerale di Padre Desmond de Souza, un sacerdote liberale che ha dato un volto di giustizia alla Chiesa asiatica. Il sacerdote redentorista era morto all’improvviso tre giorni prima sul tavolo operatorio durante l’emergenza di angioplastica. Aveva subito un attacco di cuore qualche ora prima. Aveva  76 anni.
Il 17 maggio il corpo di Padre de Souza è stato portato alla Casa Redentorista di Alto Porvorim di Goa verso mezzogiorno per la veglia funebre e poi portato alla chiesa Mae de Deus Church Saligao per la messa funebre.

Padre de Souza, popolarmente conosciuto come Demi, era nato il 27 luglio 1939. Aderì alla Congregazione del SS. Redentore, più comunemente conosciuta come redentorista, nel 1958 e era stato ordinato sacerdote nel 1966.
Conseguì la laurea in Scienze Sociali e ha insegnato Storia della Chiesa, Analisi sociale e la Dottrina sociale della Chiesa. Molti dei suoi ex studenti successivamente sono diventati suoi superiori e vescovi, tra cui l’arcivescovo Filipe Neri Ferrão di Goa e Daman, con cui affermava di aver goduto di “un rapporto molto cordiale”.
Ha lavorato come segretario esecutivo dell’Ufficio dello Sviluppo Umano della Federazione della Conferenza dei Vescovi Asiatici  (FABC) per oltre 10 anni negli anni ’80 e ha coordinato gli uffici nazionali asiatici del Pacifico della Caritas Internationalis.

Ha poi assunto l’incarico di segretario della Coalizione ecumenica sul turismo del terzo mondo (ECTWT), ora chiamato Coalizione Ecumenica sul Turismo (ECOT), una coalizione di chiese continentali cattoliche e protestanti.
È stato membro della èquipe che ha istituito ECPAT (End Child Prostitution, Child Pornography e Trafficking of Children i per scopi sessuali), precedentemente noto come la rete globale che combatteva la prostituzione infantile nel turismo in Asia.
Sebbene il sacerdote provenisse da un ambiente benestante, parlava coraggiosamente e direttamente contro l ‘ingiustizia nella Chiesa e nella società. Come attivista pro-poveri è stato tra i pochi preti cattolici che hanno difeso i Ramponkar (Pescatori tradizionali) nell’agitazione degli anni ’70 a Goa.

Mario Mascarenhas, attivo associato di Padre Demi per decenni, ha espresso sconcerto e sorpresa per la morte improvvisa del teologo-attivista sociale. “Quelli di noi che lo conoscevano bene e lo incontravano spesso sono scioccati come tutto sia improvvisamente e inaspettatamente accaduto”, ha scritto annunziando la morte.
Ha descritto il sacerdote come “un amico, preoccupato, utile e affettuoso. Quando aveva qualcosa da dire perfino sulla Chiesa, l’ha detto senza parole minacciose. Non avreste mai immaginato che le critiche provenissero da un uomo in talare”.
Il sacerdote ha lavorato alla radici e nel 1980 motivò una mezza dozzina di infermiere, addestrate a Santa Martha in Bangalore, per prendersi le loro competenze nell’area rurale di Pernem, nella parte più settentrionale di Goa. Le strutture sanitarie allora erano disuguali in Goa, dove il trasporto rappresentava un enorme ostacolo.

Suor Dorothy Fernandes di Patna ricorda che Padre de Souza recentemente era disturbato dall’influenza di giovani donne a Goa, giunte come domestiche da Gajapati, distretto remoto di Odisha. Ha visitato il distretto indiano orientale ed è stato sconvolto per la totale povertà in quei villaggi che costringevano i genitori ad inviare le loro figlie a lavorare in altre parti del paese. Ha anche incontrato agenti che incoraggiavano il traffico di donne e ragazze nelle città.
Con l’aiuto di una Suora religiosa iniziò ad organizzare le donne che venivano portate a Goa e vigilare sulla minaccia del traffico. “Aveva anche iniziato a salvare giovani donne e a mettere in atto un sistema sia nei punti di entrata che di destinazione per controllare il traffico”, ha scritto Suor Fernandes. .

Leggi articolo pdf  in inglese

___________

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

maggio 18, 2017 at 12:05 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , ,