Leggi Offline:

22 febbraio
EFFEMERIDI C.Ss.R. = * 1756. Non ci rattristiamo alla vista dei nostri difetti.

* 1756. Non ci rattristiamo alla vista dei nostri difetti.

Nel 1756 S. Alfonso esortava i suoi confratelli alla confidenza e avvertiva i novizi di non cadere  nello scoraggiamento. Diceva: «Non vi rattristate alla vista dei vostri difetti: senza l’aiuto di Dio, noi sappiamo solo peccare. Umiliatevi davanti a Dio, fate un buon proposito, e poi avanti con coraggio». E aggiungeva: «Se coloro che scrivono la vita dei Santi notassero i loro difetti come le loro virtù, la storia dei Santi sarebbe ben più lunga».

– Osservazione giusta, ma che non si applica al nostro Santo. Il Padre Gaspare Caione, uno dei principali testimoni al processo di Beatificazione, non teme di affermare: «Nelle circostanze che mi hanno visto in relazione con il Servo di Dio e durante i lunghi anni che ho vissuto con lui, sia nella Congregazione, sia nel tempo del suo episcopato, sia dopo le dimissioni fino alla beata morte dichiaro davanti a Dio di non aver notato in lui il più piccolo difetto. So la gravità della causa in questione, ma la verità mi obbliga a fare questa dichiarazione».
P. Berthe. Vita di S. Alfonso, I p. 652

P. Gaspare Caione.

 

1922. Introduzione della causa del Servo di Dio P. Alfredo Pampalon.

Il Sommo Pontefice firma il decreto di introduzione della causa del servo di Dio Alfredo Pampalon.

Il giovane P. Alfredo Pampalon (1867-1896), E’ chiamato “il fiore redentorista  del Canada” (Immagine in AGHR).

 

___________________________

IN MEMORIAM

P. Célestin Étienne. Santiago,1886.
Il P. Étienne nacque il 6 marzo 1832 a Halanzy, diocesi di Namur. La sua fedeltà alle tradizioni, lo spirito di osservanza delle regole che possedeva perfettamente, lo posero all’attenzione dei suoi superiori come il più adatto a fondare la prima casa in Spagna: a Huete, di cui fu superiore nel luglio 1864.
In seguito, inviato come missionario in Equatore e Cile , il P. Étienne si dedicò costantemente con zelo infaticabile. Era l’uomo delle prediche grandi alla sera, l’apostolo dei fanciulli, il predicatore della devozione al Sacro Cuore e alla Madonna del Perpetuo Soccorso. Metodico in tutto, puntuale nell’osservanza alle minime regole, fedele all’ordine del giorno e al lavoro di organizzazione delle missioni: questo fu il P. Étienne.
Lasciò più di sessanta quaderni di prediche e istruzioni su tutte le materie.
«Qui fecerit et docuerit, hic magnus vocabitur in regno coelorum». Mt. 5,13.
Professione: 15 ottobre 1853.
Ordinazione sacerdotale: 11 aprile 1857.

Padri, Fratelli e Novizi della Comunità di Sint-Truiden (Saint Trond), Belgio (forse intorno al 1860). Padri: Meer, Van der Beek, Ter Haer, Meersdom, Murray, Clerinx, Ministre, Von Loock, Devrieuld, Van Coppenolle, Bouveroux, Lammertijn, Lesseliers, Feys, Clément, Nirvart, De Ymes, Van Gaemel, Etienne.- Fratelli: Willilrorol, Joseph, Tillo, Patrice, Justin.

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
LA SPERANZA = 22 febbraio
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

febbraio 22, 2018 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: Congregati di santa memoria, In memoriam, Istituto redentorista, Memoriale calendario
Tags: