Leggi Offline:

7 agosto
EFFEMERIDI C.Ss.R = * Umiltà e mansuetudine di S.  Alfonso.

* Umiltà e mansuetudine di S.  Alfonso.

A Dio è piaciuto colmare il nostro Padre S. Alfonso dei più ricchi doni della natura e della grazia, ed Alfonso fece fruttificare abbondantemente questi tesori. Se fu uno dei privilegiati della divina munificenza, di altra parte si mostrò pieno di disprezzo per se stesso. Malgrado tutti i suoi lavori,egli guardava a se stesso solo come un essere inutile, e pensava tremando ai giudizi di Dio.

Animato di questi sentimenti, si mostrava pieno di riguardi e di deferenza per tutti; le lodi e le manifestazioni di rispetto che riscuoteva lo mettevano a disagio. Si mostrava umile e semplice come l’ultimo dei servi. Se aveva qualche ordine da dare, lo faceva sempre con  termini più umili possibili; pregava che comandare, si occupava di tutto ciò che c’era a fare nella sua cella.

Il suo desiderio sincero era di passare sempre inosservato, o ancor meglio di essere umiliato, come Gesù Cristo; era veramente felice in mezzo agli oltraggi e ai disprezzi, che sopportava con calma inalterabile, rispondendo solamente con dolcezza e mantenendo il silenzio. Innumerevoli sono le prove e ci vorrebbero dei volumi per raccontare i tanti esempi ammirevoli che ci ha lasciato della sua pazienza eroica e della sua dolcezza invincibile in mezzo ai disprezzi.

Incidiamo nel nostro spirito queste parole: “La mansuetudine è la virtù propria dei religiosi; ma nessuno vi giunge senza essere umile.”

La virtù per il mese di luglio: l’umiltà e la mansuetudine.

 ________________

IN MEMORIAM 

P. Louis Delorme. Mouscron, 1917.
Il P. Delorme è nato a Meaux (Senna-e-Marna), il 1° gennaio 1860, da genitori profondamente cristiani. Ordinato sacerdote, si dedicò qualche tempo alle missioni. Pur senza essere un oratore, fece una carriera apostolica molto utile e benedetta del cielo.Nell’impiego dei suoi modesti talenti, egli dispiegava il più grande zelo, eccelleva nel predicare la missione dei bambini, a tal punto che gli ne beneficiamo e traevano profitto non meno dei bambini.
Uomo di fede e di pietà profonda, egli contava innanzitutto nell’aiuto dei mezzi soprannaturali. Già allo Studentato, amava in modo particolare, durante le passeggiate, frequentare uno dei suoi antichi compagni di noviziato e gli diceva: “Fratello, parliamo di Dio, di Gesù e del suo amore,” e queste conversazioni facevano di bene all’uno e all’altro più che una lettura spirituale.
Il P. Delorme era anche un sostenitore dichiarato della devozione alla Madonna del Perpetuo Soccorso e della Novena Perpetua in missione. Prima di morire promise di assistere dal cielo quelli quanti se ne mostrerebbero ardenti propagatori.
Oltre al tempo dedicato alle missioni, egli rese preziosi servizi al P. Desurmont in qualità di segretario per la trascrizione delle sue opere; e più tardi al P. Riblier nel collazionare e copiare i manoscritti che formano le opere complete del P. Desurmont.
Questo lavoro occupò parecchi anni della sua vita e le sue pazienti ricerche portarono alla pubblicazione di alcune opere utili che senza di lui non avrebbero forse mai la luce. Contribuì anche alla composizione ed alla redazione del “glosier” per l’uso dei nostri missionari.
Il caro Padre è morto vittima della guerra, delle privazioni, della mancanza di medicinali, impossibili a procurarsi durante l’occupazione tedesca a Mouscron del 1914.
Infine , durante il suo soggiorno a Saint-Nicolas-du-Port, con la collaborazione di un confratello, offrì a tutte le comunità della Provincia il quadro dei confratelli defunti che ora si trova nelle nostre case.
Possa egli provare il salutare effetto delle preghiere che ha procurato agli altri. – “Miseremini mei, saltem vos amici mei.
Professione: 9 novembre 1881.
Ordinazione sacerdotale 19 febbraio 1888.

Echternach, Luxembuorg 1912 – Folto gruppo di Padri che hanno lasciato una impronta nella storia dei redentoristi francesi, tra i quali il P. Riblier che insiem al P. Delorme ricostruì il quandro dei confratelli defunti (foto in AGHR).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
UMILTÀ = 7 agosto
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Agosto 7, 2018 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: In memoriam, Memoriale calendario, Profili biografici
Tags: ,