Leggi Offline:

BiografieLogoLviv

P. Ihor Mychaliak, C.Ss.R. 1969-2004 – Ucraina.

P. Ihor Mychaliak, C.Ss.R. 1969-2004.

Il redentorista P. Ihor Mychaliak – Ucraina, della Provincia di Lviv, morto in Spagna a 35 anni.

Il redentorista P. Ihor Mychaliak – Ucraina, della Provincia di Lviv, morto in Spagna a 35 anni.

Database Ufficiale CSSR

  • Cognome = Mychaliak
  • Nome = Ihor
  • Nazionalità = Ucraina – (Provincia di Lviv)
  • Nato = 22-Lug-1969
  • Morto = 10-Dic-2004
  • Professione = 21-Set-1991
  • Sacerdote = 16-Giu-1997

– P. Ihor Mychaliak nacque il 22 Luglio 1969 nel villaggio di Novoiavorivske (ora città Novoyavorivsk, Yavorovskiy, Regione di Lviv).
Ebbe l’educazione scolastica al liceo Novoyavorivsk e alla scuola agraria di Zolochivskiy. Nel 1988-1990 prestò il servizio militare in Germania. Nell’estate 1990 Igor entrò nel monastero dei Redentoristi e il 21 settembre dello stesso anno iniziò il noviziato. Un anno dopo, il 21 settembre 1991, fece i primi voti e iniziò la formazione nel monastero di Holosko, dove studiò fino al 1993, e poi fino al 1997 in Tuchov, Polonia.
Fece i voti perpetui il 7 aprile 1996 ed fu ordinato sacerdote il 16 giugno 1997 da Mons.. Vasyl Medvit.
Dopo una breve pratica sacerdotale a Ternopil, nel settembre 1997, padre Igor andò a Strasburgo (Francia), dove fu prefetto degli studenti ucraini.
Nell’aprile del 1998 tornò in Ucraina, e nel mese di settembre fu assistente nella Chiesa di San Giuseppe a Lviv. Quindi fu socio allo studentato di  Holosko. Da marzo a giugno 1999 Padre fu nella parrocchia di Ivano-Frankivsk, e a luglio divenne prefetto dei novizi nel Monastero della Dormizione in Ternopil. Nel marzo 2000 P. Igor fu nominato socio dei novizi nella residenza di  Hnizdychiv.

Alla fine del 2000, Padre Igor fu stato assegnato al ministero pastorale in Spagna, dove andò il 3 gennaio 2001. Si stabilì nel monastero redentorista di Madrid e nella chiesa del monastero ha assistito gli immigrati ucraini.
Il 6 dicembre 2004 fu investito da una vettura e, senza aver ripreso conoscenza, morì il 10 dicembre 2004 a 35 anni di età, a 13 anni dai primi voti, a 8 anni dai voti perpetui e a 7 anni di sacerdozio.

___________________
Profilo biografico
tradotto dall’originale
a cura di P.S. Brugnano

___________    Leggi il file pdf originale    __________

 

Il redentorista P. Ihor Mychaliak era un bravo disegnatore, con vena umoristica. – Nella foto: i suoi genitori in Ucraina.

Il redentorista P. Ihor Mychaliak era un bravo disegnatore, con vena umoristica. – Nella foto: i suoi genitori vivono in Ucraina.

Profilo dal sito spagnolo www.redentoristas.org

Il 10 dicembre 2004, investito da una macchina, è morto a Madrid Mychaliak Padre Igor, ucraino Redentorista di 35 anni.
Personalmente conoscevo Igor da dodici anni, ma penso che ho conosciuto più a fondo la sua persona  e il suo ministero dopo la sua morte, soprattutto attraverso la testimonianza dei fedeli.
Quando l’8 dicembre arrivai dall’Ucraina a Madrid e visitai la clinica dove Igor era in coma, sono rimasto sorpreso di trovare un gruppo di persone ucraine che hanno trascorso la notte presso la clinica pregando per il loro sacerdote. Ma mi ha sorpreso molto di più la disposizione di una persona: “Preghiamo che P Igor viva. Nelle nostre preghiere chiediamo a Dio, se lo vuole, di prendere le nostre vite, ma conceda a Padre Igor di continuare a vivere, perché può fare molto di più di noi”. Aggiungo solo che le persone pregavano aveva una famiglia e dei bambini.
Igor è nato nella parte occidentale dell’Ucraina, in Novojavorivsk, a 30 km da Lviv. Era figlio unico. Dopo gli studi primari e secondari, ha deciso di continuare la sua vita come missionario redentorista. Svolse il suo ministero in vari luoghi, ma soprattutto era conosciuto per la cura pastorale degli immigrati ucraini a Madrid, dove arrivò nel 2001.
Oggi, nella chiesa di Buen Suceso (C/Princesa, 43), dove si tiene ogni Domenica la Divina Liturgia per fedeli ucraini, c’è un album con le testimonianze di Igor. Un album preparato nel primo anniversario della sua morte.
“Igor ci era vicino, con dialogo aperto, con la comprensione, pronto ad aiutare le persone con buon senso dell’umorismo. Non temeva di prendere le difficoltà degli altri come proprie”. Così tante persone lo ricordano. Ecco perché la gente, bisognosa di sostegno ed essendo lontano da casa, gli si avvicinava. Bambini, adulti e soprattutto i giovani erano felici in sua compagnia. I pellegrinaggi organizzati a Fatima, a Santiago de Compostela e a Lourdes affratellavano le persone e le rafforzavano nella fede.
Molti lo ricordano non solo come sacerdote, ma come padre, fratello e amico. Perciò oggi è frequente che persone di ritorno dalla Spagna in Ucraina visitino i suoi genitori, che non conoscevano prima, e visitino la sua tomba, lasciando preghiere e fiori.
Ivan Levytskyy, CSsR
(traduzione: P.S. Brugnano)

 Se hai bisogno del traduttore

_________________

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

novembre 29, 2018 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: , ,