Leggi Offline:

Logo Novena

Novena alla Madonna del Perpetuo Soccorso – 7° giorno

Settimo giorno
1. Ancora pericoli.
2. Amiamo la Madonna perché è siamo i suoi fedeli servi.

1 – Ancora pericoli.

Pareva che  il trionfo della venerata Immagine, rifulgente di venerazione e di prodigi, fosse definitivo e duraturo nei secoli, quando nuovi pericoli ne minacciarono non solo il culto, ma la stessa esistenza.
Il primo pericolo avvenne il 20 settembre del 1870, quando i cannoni dell’esercito italiano abbattevano le mura di Roma. Durante il breve combattimento di Porta Pia una ventina di obici dell’artiglieria caddero nel giardino annesso alla chiesa di S. Alfonso. Ma la Madre del Perpetuo Soccorso protesse il suo santuario e nessun danno incolse alle persone e alla chiesa.

Un secondo gravissimo pericolo avvenne, quando Roma fu proclamata Capitale d’Italia. Il nuovo Governo, irreligioso e anticlericale, soppresse molte istituzioni ecclesiastiche, usurpandone i beni.
In un primo momento, la chiesa e il collegio di S. Alfonso furono risparmiati, perché riconosciuti come proprietà di un cittadino inglese, il P. Edoardo Douglas. Questi, non sicuro della protezione della sola bandiera estera che sventolava sul collegio, premurò il governo britannico di riconoscere con decreto ufficiale la chiesa e la casa dei Padri Redentoristi come beni appartenenti a cittadino inglese. Ma il governo britannico si rifiutò, lasciando quegli edifici religiosi in balia delle leggi di soppressione.

Cominciò allora il lungo calvario del P. Douglas per salvare, per via giuridica, i suoi diritti. Ma ogni suo tentativo sembrava destinato a fallire. La causa era già umanamente perduta, quando la Madre del Perpetuo Soccorso intervenne, preparando un meraviglioso trionfo col servirsi, come di solito, di una concatenazione di fatti all’apparenza insignificanti.

L’ambasciatore francese a Washington, Marchese De Noailles, in quel tempo aveva avuto dal suo governo il mandato di lasciare l’ambasciata americana e passare in quella di Roma.
Un giorno, mentre la sua consorte, una nobile polacca, era in chiesa a pregare, le si avvicina una signora sconosciuta che le dice: “Signora Marchesa, ho inteso che partirà per Roma fra tre giorni. La prego, quando vi sarà giunta, di fare una visita alla chiesa di S. Alfonso, dove si venera la Madonna del Perpetuo Soccorso, e di dire una preghiera per me dinanzi alla santa Immagine…
La marchesa De Noailles, che nulla sapeva di questa chiesa, promise; ma poi, arrivata a Roma, dimenticò la promessa.
Un giorno, passando in carrozza per via Merulana, fu attratta da una chiesa di stile gotico, sopraelevata sul piano stradale, e ne domandò notizia al cocchiere. “È la chiesa di S. Alfonso!”, rispose questi. Al nome di S. Alfonso, l’ambasciatrice ricordò la signora sconosciuta di Washington; fece fermare la carrozza, entrò in chiesa e fece la preghiera promessa dinanzi all’Immagine, fece chiamare il padre Superiore, che le narrò in breve la storia del prodigioso quadro. La Marchesa, ammirata e commossa all’udire la straordinaria storia dell’Immagine, spontaneamente offrì la sua opera, onorata di fare qualcosa per il santuario.
Il Superiore Generale P. Mauron, riconoscendo in quella improvvisa e impensata offerta il soccorso di Maria, trattenendo a stento l’emozione, informò la nobile signora sull’imminente e tristissimo pericolo che incombeva sulla chiesa e sul collegio di S. Alfonso.
Non ci volle altro, e l’ambasciatrice si pose subito in moto per scongiurare tanta rovina. Con incredibile ardore parlò con ambasciatori e con deputati, si interessò presso i ministri del regno e presso lo stesso monarca, re Umberto I.

Il suo operare non fu vano. Quantunque il tribunale di Cassazione avesse già emanato la sua sentenza sfavorevole, la cosa fu portata dinanzi al Consiglio di Stato, il quale il 17 maggio 1887 riconobbe che il collegio di S. Alfonso all’Esquilino era una fondazione di carattere e scopo internazionale, e perciò non soggetto alla legge della soppressione.
 (P. Alfonso Barba).

7-25-28

* * * 

2- Amiamo la Madonna perché siamo i suoi fedeli servi.

Amiamo noi la Vergine del Perpetuo Soccorso?
Se l’amiamo, invochiamola sopra tutto perché ci liberi dal peccato, e se sventuratamente vi siamo caduti, preghiamola fervorosamente che ci faccia decidere di uscire dalla colpa, di rompere le occasioni di peccare, e di fare una confessione umile e sincera per incominciare una vita di virtù e di amore.

Amiamo la Vergine del Perpetuo Soccorso?
Se l’amiamo, rivolgiamoci a Lei frequentemente durante il giorno, e ripetiamo la salutazione angelica tanto grata al suo cuore materno. Disse Santa Matilde in un giorno di sabato alla Vergine: «O mia Regina del Cielo, se io potessi salutarti con un saluto che riuscisse il più gradito al tuo cuore, oh, quanto lo farei volentieri!».
Le apparve la Vergine gloriosa, portando scritta sul petto a lettere d’oro l’Ave Maria, e le disse: «Questo è il saluto più grato alle mie orecchie».
Alfonso l’aveva costantemente sulle labbra, e diceva: “Benedette le azioni che si cominciano e si chiudono tra un’Ave Maria”.

Amiamo la Vergine del Perpetuo Soccorso?
Se l’amiamo imitiamo le sue ammirevoli virtù, sia pure secondo le nostre deboli forze. Imitiamo la sua fede che è simboleggiata nella stella che brilla sulla fronte; il suo amore divino, con quella tenerezza con cui stringe al suo cuore il Bambino Gesù; l’amore per i peccatori, che traspare dalla dolcezza del suo sguardo; la devozione alla Passione di Cristo, a cui ci spingono i due angeli con quei sacri segni che portano in mano; la purezza verginale, che ci vien predicata dal suo atteggiamento composto, dalla modestia del suo vestito e da quel velo che le copre la testa augusta.

Amiamo la Vergine del Perpetuo Soccorso?
Se l’amiamo, conviene che un tale amore sia fermo, costante e non venga mai meno di fronte agli urti delle passioni e alle prove della vita …

Anima mia, ma è questo il tuo amore per la Vergine? In occasione di una novena, o di esercizi spirituali, o di altra solennità promettesti a Maria la recita del Rosario e alcune pratiche di devozione… Ma sei stata fedele a mantenerle? O le hai abbandonate per pigrizia, o per compiacere il mondo? Prometti di riparare.

* * * * *
Vai all’itinerario della Novena

__________________________

Soccorso Anniversario-logo3

Visita altre pubblicazioni

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Giugno 24, 2015 at 12:07 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Religiosità popolare, Spiritualità alfonsiana
Tags: