Leggi Offline:

XIII TO – Domenica – Eucaristia e vita
Fa’, o Signore, che nutriti di un solo pane, formiamo un corpo solo sebbene in molti (1Cr 10, 17).

• O Gesù, cibo soprasostanziale delle anime, a te accorre questo popolo immenso. Esso si volge a penetrare la sua umana e cristiana vocazione di nuovo slancio, di interiore virtù, con prontezza di sacrificio, di cui tu desti saggio inimitabile… con la parola e con l’esempio.
Fratello nostro primogenito, tu hai preceduto, o Cristo Gesù, i passi di ciascun uomo, tu hai perdonato le colpe di ciascuno; tutti e ciascuno tu sollevi a più nobile, più convinta, più operosa testimonianza di vita.
O Gesù, « pane vero », unico e solo cibo sostanzioso delle anime, raccogli tutti i popoli attorno alla mensa tua: essa è divina realtà sulla terra, è pegno di favori celesti, è sicurezza di giuste intese tra le genti, e di pacifiche competizioni per il vero progresso della civiltà.
Nutriti da te e di te, o Gesù, gli uomini saranno forti nella fede, gioiosi nella speranza, operosi nelle molteplici applicazioni della carità.
Le volontà sapranno superare le insidie del male, le tentazioni dell’egoismo, le stanchezze della pigrizia. E agli occhi degli uomini retti e timorati apparirà la visione della terra dei viventi, di cui il progrediente cammino della Chiesa militante vuol essere l’immagine, nell’atto di far risonare nel mondo universo le prime voci, arcane e soavissime, della città di Dio.
Sì, o Gesù: « Tu pascici, tu difendici. Mostraci i beni nella terra dei viventi. Amen».
(Giovanni XXIII, Breviario p 120)

__________________

• Signore, io sono impuro; non sono degno che il tuo santo corpo venga sacramentalmente nella mia sudicia abitazione.
Signore, sono tuttora indegno di qualsiasi onore, di qualsiasi bene e di tutte le consolazioni che le persone virtuose ottengono da te. Dunque non mi resta che piangere e lamentarmi di continuo, e camminare davanti a te con una fiducia incrollabile.
E benché sia povero e abbandonato non mi allontanerò da te, ma griderò e supplicherò senza stancarmi, finché la mia fede non abbia ottenuto da te la guarigione del mio servitore [ la parte sensibile].
Allora io ti loderò e ti servirò con l’anima e col corpo, con tutto me stesso e con tutte le mie forze.
(Rujss Broeck, Oeuvres v 1, p 102)

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Cuore amantissimo del mio Gesù, da cui uscirono già tutt’i sacramenti, e principalmente uscì questo Sacramento d’amore, io vorrei rendere a te tanta gloria e onore, quanta tu, Sacramentato nelle nostre, ne dai chiese all’Eterno Padre. Io so che tu continui ad amarci con quello stesso amore con cui ci amasti sulla croce (S.Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Giugno 28, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: