Leggi Offline:

PreghieraContinua12a

2ª settim. Avvento – Lunedì – La vita nella volontà di Dio
Tu Signore, ammaestrami perché tu sei il Dio della mia salvezza (Sal 25, 5).

• In quest’istante, o mio Dio, liberamente e senza alcuna riserva, io ti consacro il mio volere. A dir vero, questa consacrazione non è del tutto disinteressata, perché so per esperienza quali vantaggi mi vengano dall’abbandonare senza riserva il mio volere al beneplacito del tuo…
La tua volontà, Signore, si compia sempre in me e come meglio a te piace! Se mi vuoi fra i travagli, dammi forza di sopportarli, e vengano pure! Se fra le persecuzioni, le infermità, le indigenze e i disonori, non mi ritiro, o Padre mio! …
O come è efficace questo dono! Se lo si facesse generosamente, si attrarrebbe l’Onnipotente a fare una cosa sola con la nostra debolezza, trasformando noi in lui, la creatura nel Creatore!…
Quanto più, o Signore, tu vedi che il dono della nostra volontà si manifesta non con parole di complimento, ma con fervore di opere, tanto più ci attiri a te; e innalzando l’anima al di sopra delle cose terrene, la prepari a ricevere grandissimi favori.
Stimi tanto questo dono che non cessi di ricompensarlo fin da questa vita: l’anima non saprà più che cosa domandarti, e tu continuerai a donare. E non contento di unirla a te stesso facendoti un tutt’uno con lei, comincerai a compiacertene, a scoprirle i tuoi segreti, a farle comprendere il molto che ha guadagnato e intravedere la felicità che le tieni preparata.
(S. Teresa di Gesù, Cammino 32, 4 . 10‑12)

_______________

• O Signore, la tua volontà si faccia in cielo e in terra, dove non abbiamo piacere senza mescolanza di dolore, né rose senza spine, né giorno non seguito da notte, né primavera non preceduta da inverno; in terra, o Signore, dove sono rare le consolazioni e innumerevoli i travagli.
Nondimeno, o Signore, si faccia la tua volontà, non solo nell’esecuzione dei tuoi comandamenti, consigli e ispirazioni che si debbono da noi praticare, ma anche nelle afflizioni e pene che dobbiamo patire, affinché la tua volontà faccia con noi, per noi, in noi e di noi tutto quello che ti piacerà.
(S. Francesco di Sales, Il Teotimo IX, 1)

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Procuriamo in tutto di conformarci alla sua divina volontà; e non solo di conformarci, ma uniformarci a quanto Dio dispone. La conformità importa che noi congiungiamo la nostra volontà alla volontà di Dio; ma l’uniformità importa di più che noi della volontà divina e della nostra ne facciamo una sola, sì che non vogliamo altro se non quello che vuole Dio, e la sola volontà di Dio sia la nostra (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Dicembre 5, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: