Leggi Offline:

L’annuncio della Parola oggi

    • 1. Vangelo e riflessione della 4a domenica di Quaresima_A2020: “Andò, si lavò e tornò che ci vedeva”.
    • 2. Video-riflessione di Giuseppe De Nardi su Gv 9,1-41 – da YouTube.
      3. Video – Vangeloclip Modena 4a Quaresima
      – da YouTube.
    • 4a. Video – Coronavirus, Papa Francesco: “Non sprecate questi giorni difficili” – da YouTube.
    • 4b. Video – Coronavirus: la preghiera dell’Arcivescovo di Milano – da YouTube.
    • 5. -Papa Francesco Preghiera alla Madonna per Malati Coronavirus – da YouTube.
    • 6. Video C.Ss.R. -Auf den Spuren von Klemens Maria Hofbauer (Sui passi di San Clemente) – da YouTube.
    • 7. Dalle opere di S. Alfonso – Luce che illumina.

_________

“La parola di Dio dimora in voi che avete vinto il maligno” (1Gv, 2,14).

1. Vangelo e riflessione della 4a domenica di Quaresima_A2020.
(Gv 9,1-41, qui in forma breve).
Andò, si lavò e tornò che ci vedeva”.
♦ In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita; sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa “Inviato”.
Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!».
♦ Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista.
Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c’era dissenso tra loro.
Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?».
Egli rispose: «È un profeta!». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori.
Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui.

_________________

2. Video-riflessione di P. Giuseppe De Nardi – Gv 9,1-41 di Telepace Holy Land TV (dur. 6,50) – da YouTube.

_________________

3. Video – Vangeloclip Modena 4a Quaresima (A) (dur. 5,57) – da YouTube.

_________________

4a. Video – Coronavirus, Papa Francesco: “Non sprecate questi giorni difficili” di TG2000 (dur. 2,05) – da YouTube.

_________________

4b. Video – Coronavirus: la preghiera dell’Arcivescovo di Milano ai piedi della Madonnina di Tv2000it (dur. 5,00) – da YouTube.

_________________

5. Video – Papa Francesco, Preghiera alla Madonna per Malati Coronavirus di Vatican News – Italiano (dur. 2,52) – da YouTube.

_________________

6. Video C.Ss.R.- Auf den Spuren von Klemens Maria Hofbauer (Sui passi di San Clemente) di Erzdiözese Wien (in tedesco dur. 3,55) – da YouTube.

_________________

7. Dalle opere di S. Alfonso –Luce che illumina.
♦ Uno dei danni più gravi, causati in noi dal peccato di Adamo, è stato quello di offuscare la nostra mente per mezzo delle passioni. Povero colui che si lascia dominare da qualche passione! La passione è come una nebbia o un velo, che c’impedisce di vedere la verità e di riconoscere il male. E questa oscurità aumenta con l’aumento dei nostri peccati.
Lo Spirito Santo viene chiamato “luce beatissima” perché, con il suo splendore, non solo infiamma i cuori ad amare, ma inoltre dilegua le tenebre facendoci conoscere la vanità dei beni terreni, il valore dei beni eterni, l’importanza della salvezza, il valore della grazia, la bontà di Dio, l’amore infinito che egli merita e l’amore immenso che ci porta.
♦ L’uomo naturale non comprende le cose dello Spirito di Dio (1Cor 2,14). L’uomo infangato nei piaceri terreni poco conosce queste verità: per questo l’infelice ama quello che dovrebbe odiare e odia quello che dovrebbe amare.
Santa Maria Maddalena de’ Pazzi esclamava: “O Amore non conosciuto, o Amore non amato!” E santa Teresa diceva che Dio non è amato perché non è conosciuto.
Per questo i santi chiedevano sempre a Dio di illuminarli: Manda la tua luce; rischiara le mie tenebre; aprimi gli occhi (Sal 42,3; 17,9; 118,18). Infatti senza la luce non si possono evitare i precipizi e non si può trovare Dio.

(S. Alfonso, Via della salute, Novena dello Spirito Santo, II).
Un link all’opera

_________________

In questa quarta domenica di quaresima, chiamata “domenica Laetare” (=goisci), siamo invitati ad andare “con gioia” incontro al Signore perché ci doni la sua luce, soprattutto in questo deserto di dolore creato dal coronavirus. Vorremmo capire perché tanta sofferenza… E pregando e vivendo una solidarietà “costretta” dalla tremenda circostanza, intravediamo una luce nuova, quella dell’amore e di un cuore purificato dal suo peccato. – Tutti pensano di vederci bene… Ma anche chi pensa di vederci bene, ha bisogno – come il cieco nato proposto dal vangelo di oggi – di essere guarito da Gesù, per giungere ad avere uno sguardo luminoso sulla vita.

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Marzo 22, 2020 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Proprium liturgico
Tags: ,