Leggi Offline:

biografielogopdf

P. Štefan Vasilík, C.Ss.R., 1936-2019 – Slovacchia.

P. Štefan Vasilík, C.Ss.R., 1936-2019.

Il redentorista P. Štefan Vasilík, 1936-2019, Slovacchia, Vice-Provincia di Michalovce. Ha vissuto la sua gioventù sotto il regime comunista e ha vissuto la sua maturità sacerdotale nel ministero parrocchiale e nella piena disponibilità verso tutti. È morto s 83 anni.

Dati Ufficiali

  • Cognome = Vasilík
  • Nome = Štefan
  • Nazionalità = Slovacchia – (Vice-Provincia di Michalovce)
  • Nato = 23-Mag-1936
  • Morto = 01-Mag-2019
  • Professione = 18-Ago-1967
  • Sacerdote = 10-Mar-1973

Giorno 1 maggio 2019 è morto a 82 anni il P. Stefan Vasilik CSsR.
Štefan Vasilík nacque il 23 maggio 1936 nel villaggio di Malý Lipník, nel distretto di Stará Ľubovňa. Veniva da una famiglia di contadini, penultimo di sei figli.
Nel 1942, a sei anni, iniziò a frequentare la scuola primaria. A 12 anni, nell’estate del 1948, si rivolse al giovenato redentorista in Michalovce. Era stato avvicinato da missionari che predicavano la missione popolare nel suo villaggio natale. Si iscrisse insieme ad un amico, ma solo lui entrò.
Purtroppo dovette ritornare in famiglia nel gennaio del 1949, perché i comunisti si accingevano a rimandare via dai conventi i minori e alla fine lo fecero in pochi mesi.

Quando Štefan tornò a casa, frequentò una scuola elementare locale. Successivamente fu accettato in una scuola di grammatica a Prešov.
Poiché era oppositore del regime comunista, non aveva diritto al college, dopo aver finito il liceo. Dovette attraversare varie prove di fede durante la sua gioventù, che superò grazie all’amicizia con Cristo. Infatti, anche se nel monastero era rimasto solo per sei mesi, sentiva l’amore di Cristo così forte da superare ogni altro amore della sua vita.
Dopo un po’ di tempo iniziò a lavorare a Prakovce, poi andò negli stabilimenti di Bavlnárské a Ružomberok. Tuttavia, rimase sempre in contatto con i Redentoristi.

Štefan Vasilík entrò nel seminario per futuri sacerdoti a Bratislava nel 1968. Emise i voti religiosi il 2 giugno 1973. A 37 anni, ricevette il sacramento del sacerdozio il 10 giugno 1973 a Prešov dall’allora Vescovo Vasil Hopek.
Dal 1974 la sicurezza statale aprì un fascicolo personale su P. Stefano.
La sua prima parrocchia fu a Šmigovci, dove lavorò nel 1973-1985 e contemporaneamente in Ubli e Ladomírov. Poi, nel 1985-1993, fu amministratore della parrocchia di Rokytov a Hummenno.

A quel tempo, tuttavia, la Provincia gestiva anche Hostovice, Osadné, Zbojné, Světlice e Vyšné Jablonec. Venne a Stropkov nel 1993, dove fu amministratore della parrocchia e superiore locale. Durante questo periodo fu incaricato della costruzione del monastero dei Redentoristi a Stropkov, che fu inaugurato il 20 Luglio 1997 da Mons. Milan Chautur e dall’allora Padre generale Juan Lasso de la Vega.

Padre Štefan era molto puntuale: passato il suo tempo, consegnò tutti i soldi per costruire il monastero dei Redentoristi.
Si ritirò a riposo dal 1998, ma fu un riposo attivo, fino a quando le sue forze furono sufficienti: confessava, guidava spiritualmente le persone, e partecipava alle missioni popolari.
Costruiva la sua vita su Dio. Amava i fiori ed era felice di lavorare in giardino. Sempre disponibile ad aiutare. Ciò che più colpiva era il fatto che nella sua vecchiaia aveva imparato a lavorare con un computer, oltre ad imparare l’inglese.

Il 18 gennaio 2012, padre Štefan Vasilík divenne cittadino onorario di Stropkov. Tra le altre cose, disse in questa circostanza: “Io cerco di fare il bene per ottenere la cittadinanza più onesta e duratura nel Regno dei Cieli”.
Egli era il membro più anziano della comunità di Ceiling.
Nel 2002 gli fu conferito il titolo di Archidekan e nel 2015 l’arcivescovo metropolita Ján Babjak SJ gli conferì il diritto di indossare la “nábederník” per i suoi meriti. Questo privilegio lo rese contento, e gli piaceva indossarla durante la santa liturgia.
Padre Štefan Vasilík è vissuto nell’Istituto Redentorista 46 anni, di cui 26 anni a Stropkov. La sua vita è un esempio che ogni prova si può sopportare e superare, anche se la situazione può sembrare senza speranza.
Ha vissuto una bella vecchiaia. Nel suo testamento ha scritto: “Rivolgo a tutti i parenti, confratelli e amici una gratitudine riconoscente per l’amore ricevuto. Se ho ferito qualcuno, chiedo il suo perdono, e perdono anche tutti quelli che mi hanno offeso”.
P. Metod M. Lukačík CSsR

_____     Leggi il file originale pdf _  in slovacco

  Se hai bisogno del traduttore

Vai alla pagina delle Biografie di Redentoristi

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Luglio 30, 2019 at 12:05 am da Salvatore
Categoria: In memoriam
Tags: ,