Leggi Offline:

13 aprile
EFFEMERIDI C.Ss.R = * 1893. Gli atti perfetti nell’orazione.

* 1893. Gli atti perfetti nell’orazione.

Non si è dimenticato lo zelo del P. Desurmont in favore dell’orazione. Le sue opere ne sono la prova. Aveva a cuore di inculcare a tutti quelli che si confidavano a lui la pratica virtuosa dell’orazione attraverso gli atti; ed egli voleva che questi atti fossero elaborati con maturità, cioè con tutti gli elementi che la costituiscono. Il suo grande ritiro intitolato “La Conversione quotidiana” ce lo dimostra a sufficienza.

Negli ultimi cinque anni della sua vita, nelle sue lettere alle religiose contemplative, egli insisteva su questo modo di orazione: parlava ad esse della “cultura degli atti perfetti”. “Sforzatevi – diceva loro – di piacere a Dio attraverso gli atti perfetti. Fate i vostri atti perfetti, di amore di Dio, di contrizione, di fiducia, di unione alla volontà divina, di umiltà, ed a forza di fare del vostro meglio, arriverete a farli proprio bene”.
Diceva ad una superiora di comunità: “Badate a che le vostre sorelle facciano seriamente e sinceramente degli atti perfetti: seriamente, comprendendone tutta la sostanza e volendola come è; sinceramente, non consentendo contraddizione abituale tra la condotta e l’atto. Dio vi doni un accumulo di queste grazie forti che fanno le donne forti nel loro modo di amare Dio attraverso la cultura degli atti perfetti.

Diceva e ripeteva anche  agli studenti di produrre questi atti dell’orazione indipendentemente dal sentimento della vigilia, del giorno stesso, e di dire a Dio nel fondo del cuore ciò che si dice a fior di labbra.
(Lettere dal 1893 al 1898). 

Gli scritti del P. Desurmont (1828-1898) hanno nutrito spiritualmente generazioni di novizi e studenti redentoristi – Qui una foto veramente storica – Bussolengo, Verona 1859 – Studenti della Provincia Romana con due Padri: (A) Padre A. Chiletti, (B) Padre A. Pfab, 1. F.Pattacini, 2. Bastai, 3. Boschetti, 4. Bresciani, 5. Chierici, 6. Marzaseña (Foto in AGHR)

_____________ 

IN MEMORIAM 

Fr. Gerardo (François Kinnen). Saint-Nicolas-du-Port, 1902.
Il Fratello Gerardo nacque a Berdor (Granducato) il 12 dicembre 1822. Esercitava a Parigi il mestiere di garzone pasticciere. Fece allora la conoscenza di uno dei nostri Padri lussemburghesi in dimora a Parigi e sollecitò la sua ammissione nella Congregazione.
Molto esperto nell’arte culinaria, fu mandato a Villa Caserta, Roma, per svolgere l’incarico di cuoco e vi restò per trent’anni. Non potendo sopportare più il clima dell’Italia, egli ritornò in Francia, a Saint-Nicolas.
Le due virtù dominanti del caro Fratello, furono un grande spirito di fede verso il SS. Sacramento e verso i suoi superiori. Aveva in dono l’amore al lavoro. Stavano per compiersi i suoi cinquant’ anni di vita religiosa quando S. Alfonso lo chiamò a celebrarli in cielo. – ·”Haec requies mea in saeculum saeculi.  Ps. 131-14.
Professione: 25 dicembre 1852.

Roma, chiesa di Sant’Alfonso – Il SS. Redentore e la venerata icona della madonna del Perpetuo Soccorso – In questa comunità Fr. Gerardo ha prestato servizio come cuoco per circa 30 anni Fratello (foto in AGHR).

_______________________________

Pensiero e testimonianza sulla virtù del mese nelle SPIGOLATURE
AMORE VERSO IL PROSSIMO = 13 aprile
APRI

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

aprile 13, 2017 at 12:03 am da Salvatore
Categoria: Congregati di santa memoria, In memoriam, Memoriale calendario
Tags: ,