Leggi Offline:

7 Sett. di Pasqua – Martedì – Aspettando lo Spirito – Lo spirito dei figli di Dio
O Spirito Santo, che rendi testimonianza della nostra adozione filiale, fa’ di me un vero figlio di Dio (Rm 8, 16).

• Mio Dio, Amore vivo in cui il Padre e il Figlio si amano scambievolmente, tu sei la fonte dell’amore soprannaturale che zampilla nei nostri cuori. « Fonte della vita, fuoco, amore »…
Ti riconosco come l’origine del grande dono che solo ha il potere di salvarci: l’amore soprannaturale. L’uomo; di sua natura, è cieco e insensibile per tutte le cose dello spirito: come può raggiungere il Paradiso?
Con la fiamma della tua grazia, che lo consuma per rinnovarlo e renderlo capace di godere quella felicità che, senza di te, neppure potrebbe apprezzare.
Tu, onnipotente Consolatore, sei stato e ancora sei la forza, l’energia e la pazienza del martire in mezzo ai suoi tormenti. Tu sei il sostegno del confessore della fede nelle sue lunghe, opprimenti e umilianti sofferenze. Tu sei il fuoco con cui il predicatore, dimentico di se stesso nel proprio apostolato, riesce a conquistare le anime.
Per mezzo tuo risuscitiamo dalla morte del peccato, sostituendo all’idolatria delle creature l’amore puro del Creatore. Per mezzo tuo ci è dato di risvegliare in noi stessi la fede, la speranza, la carità e il pentimento. Per mezzo tuo, pur respirando l’atmosfera della terra, ne evitiamo il contagio. Per mezzo tuo abbiamo la forza di consacrarci al ministero sacro e di adempiere ai suoi formidabili doveri. È il fuoco che tu hai acceso dentro di noi, che ci permette di pregare, di meditare e di mortificarci.
Come i nostri corpi non potrebbero vivere se il sole dovesse spegnersi, così non può vivere la nostra anima se tu ti allontani.
Mio supremo Signore e santificatore, da te viene tutto quanto di buono io possiedo. Senza di te, col passare degli anni, diverrei sempre peggiore… Accresci in me la grazia dell’amore, o santo Spirito, e non guardare alla mia nullità. Il tuo amore è infinitamente più prezioso di tutti i tesori del mondo: è l’amore che ti chiedo, in cambio di tutto quanto il mondo può offrirmi. Concedimi il tuo amore poiché esso, per me, è la vita.
(J. H. Newman, Maturità cristiana p 289‑90).

_________________

• O Signore, ti preghiamo di concederci un’intelligenza più acuta… e di aprire di più i nostri sensi alla verità, affinché, considerando nello Spirito Santo quello che dallo Spirito è stato scritto ed esprimendo in maniera spirituale le realtà dello spirito, possiamo spiegare le Scritture secondo Dio e lo Spirito Santo che le h‑ ispirate.
(Origene, da Preghiere dei primi cristiani 58).

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Spirito Santo eterno, continua a illuminarmi facendomi sempre più conoscere la tua bontà infinita, e dammi la forza di amarti con tutto il cuore. Aggiungi grazie a grazie, affinché io sia dolcemente vinto e costretto a non amare altro che te (S.Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

maggio 14, 2013 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: