Leggi Offline:

PreghieraContinua12a

3ª settim. Avvento – Venerdì – Il grande Mistero
O Re delle genti e pietra angolare della Chiesa, vieni e salva l’uomo che formasti dal fango (Lez).

• Mio Dio: fammi degna di conoscere l’altissimo mistero che operò l’ineffabile carità tua ardentissima, dispensata dalla stessa Trinità: il mistero della tua santissima Incarnazione, che facesti per noi e fu l’inizio della nostra salvezza.
Questa Incarnazione opera due cose in noi: la prima è che ci riempie di amore; la seconda, che ci fa certi della nostra salute.
Oh! incomprensibile carità! Non v’è maggiore carità di questa: il mio Dio si è fatto carne, per farmi Dio. O amore sviscerato! Per rinnovarmi ti diminuisti, quando ricevesti la nostra forma; tuttavia non ti disfacesti in modo che qualche cosa venisse a mancare a te e alla tua Divinità, ma l’abisso della tua Concezione mi fa dire queste parole…
O Incomprensibile, fatto comprensibile! O Increato, fatto creatura! O Inconcepibile, divenuto concepibile! O Impalpabile, puoi essere toccato! O Signore, rendimi degna di vedere la profondità di questa altissima carità che comunicasti a noi nella santissima Incarnazione.
(B. Angela da Foligno, Il libro della B. Angela III, p 243‑4)

________________

• Signore, come lodare, come ringraziare abbastanza il tuo amore? Tu mi hai amato tanto, che per amor mio ti sei fatto nel tempo, tu che hai fatto i tempi; e nel mondo eri minore di età a molti tuoi servi, tu che sei più antico del mondo; e ti sei umanato, tu che hai fatto l’uomo; sei stato creatura di madre da te creata, e sei stato portato fra mani da te formate, e hai succhiato a un petto da te colmo, e hai vagito quale infante nella mangiatoia, tu che sei il Verbo, senza del quale è muta l’umana eloquenza.
(S. Agostino, Sermo 188, 2).

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Solo in questo bambino l’eterno Padre si è compiaciuto, perché solo in lui non trovò alcuna colpa. Consoliamoci, noi miseri peccatori, perché questo Bimbo divino è venuto dal cielo per comunicarci la sua innocenza. I suoi meriti, se noi sappiamo avvalercene, possono trasformarci da peccatori in santi e innocenti (S. Alfonso).

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Dicembre 19, 2014 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: