Leggi Offline:

31 ottobre = A vantaggio degli altri
Signore, che io non cerchi l’utile mio, ma quello dei fratelli (1 Cor 10, 33).

• O povertà come sei bella! Gesù Cristo, mio Maestro, ti ha trovata così bella che discendendo dal cielo ti ha voluta sposare, ha fatto di te la compagna della sua vita e ha voluto morire con te sulla croce.
Dammi, o mio Maestro, questa bella povertà: che io la cerchi con sollecitudine, l’abbracci con amore per farne la compagna di tutta la mia vita, e possa, come te, morire con lei su un nudo legno.
A. Chevrier, Vita (di Villefranche) p 184

 ________________

• Caro Signore, mi sento così attirato dalla tua povertà!… Vorrei essere un missionario povero come te. Rendimi povero, lasciami vivere poveramente, amo tanto i poveri, amo tanto te…
O mio Gesù, potrei io forse essere felice, essere contento in una vita comoda, facile e tranquilla? Potrò sedermi col cuore in pace ad una tavola ben fornita, mentre ammiro appeso alla parete di una camera sontuosa il mio Esemplare Crocifisso, coronato di spine e abbandonato da tutti? Perché continuerai tu a lamentarti: « ho sete?». Maestro, io pure ho sete di dissetare te col mio amore, con le mie privazioni e sofferenze, e col darti anime! …
Appoggiato a te, portato dalla tua forza e dal tuo amore, salirò con fiducia la mia via della croce. Quale vita! Quale consolazione per te e per me! Simile a te, o mio caro Gesù!
E. Poppe, Vita (di Jacobs) p 132‑3

_______________
da “Intimità divina”
Roma 1992

Bisogna usare la carità cogl'infermi che hanno maggior necessità di essere sollevati. Andiamo almeno a servirli, ed a consolarli, ancorché essi non ce ne ringraziassero: il Signore ce lo rimunererà.(S.Alfonso)

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Ottobre 31, 2012 at 12:01 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Preghiere di S. Alfonso
Tags: ,