Leggi Offline:

28 dicembre
È duro soffrire quando si soffre senza un fine. Ma la sofferenza è singolarmente addolcita quando si vede in essa un bene amabilissimo. E in questo modo la nostra Regola ci fa guardare la sofferenza. Essa vuole che noi portiamo la croce e ci predica l’amore di questa croce divina. (P. Desurmont in Quelques reflexion surl’observacen regulière. Ediz. Frane. pag. 42).

  • Il P. Bernardo Apice, persuaso che quanto accade in questo mondo, tutto è stato disposto da Dio sin dall’eternità in peso, numero e misura, ad ogni evento si mostrava rassegnato alla volontà di Dio. Non fu veduto mai alterato; fu sempre allegro ed ilare di volto; sopportava qualunque contrarietà, ringraziava anche chi l’oltraggiava, poiché diceva non doversi lamentare di sè stesso essendo gli altri esecutori di quella pena che egli meritava per i suoi peccati.

Da “Spigolature“, a cura di P. Pompeo Franciosa, 1987.

Arienzo (CE) - Cappella nel Palazzo Vescovile - Qui S. Alfonso pregava con fervore - I Redentoristi hanno guardato sempre al loro Fondatore per assimilarne lo spirito.

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Dicembre 28, 2011 at 1:00 am da Salvatore
Categoria: Memoriale calendario, temi
Tags: , ,