Leggi Offline:

Redentoristi in Niger.
2013 – Apostolato tra i detenuti nelle carceri.

__________________

27novembre2


Redentoristi in Niger
2013 – Apostolato tra i detenuti nelle carceri

Il sacerdote redentorista P. Augustin Hounkpe C.Ss.R lavora con i detenuti in Niger. I detenuti sono tra i più emarginati in Niger. P. Augustin fa sei importanti osservazioni sui diritti dei detenuti.

1. Vivere in carcere è un evento come nessun altro.

2. La prigione divora i detenuti come il cancro divora un malato: sei un nulla.

3. “La prigione è una città nella città che contiene sporcizia, angoscia, malattia, male… illogico, irrazionale, incomprensibile, è un mondo a parte, tagliato fuori dalla vita. (… ). È come un grande convento, ma sporca e senza spiritualità. Hai davvero bisogno di una energia incredibile per evitare di cadere. È più che una punizione, è la situazione di stallo totale, che chiude la bottiglia, l’ossigeno è tagliato bruscamente. La prigione è il nostro ghetto, la nostra vergogna ” -. Veronica V.

4. È una situazione difficile oggi, in particolare in Niger, a causa del sovraffollamento delle carceri, la sporcizia e la mancanza di igiene…. In realtà, è quasi mezzo secolo da quando la prigione di Niamey è stata costruita, anche se ha una una capacità di 350 detenuti, da sempre ha ospitato circa 1000 persone. Il 20% della popolazione carceraria è costituita da donne e bambini.

5. Purtroppo, le due carceri di Niamey e di Kollo sono ora di fronte a vincoli enormi, tra cui la carenza di cibo a causa di risorse minime. Il governo stanzia € 0,45 centesimi al giorno per persona. Il sovraffollamento e la promiscuità dominano con le loro conseguenze in termini di salute.
L’ozio riduce alcuni detenuti ad un clima di tristezza, insufficienze, stress o ansia.
Le autorità del Niger hanno cercato per un po’ di tempo di fornire soluzioni attraverso una politica carceraria volta a migliorare le condizioni di vita dei detenuti, l’umanizzazione delle celle e il successivo reinserimento dei detenuti, in particolare donne e minori, che sono le parti più vulnerabili della società. Ma questi tentativi sono stati del tutto inadeguati.

6. I cappellani delle prigioni di Niamey e di Kollo, attraverso il loro lavoro pastorale, culturale e caritativo, prendono in considerazione l’ umanità di questi prigionieri. I cappellani lavorano per ripristinare la piena dignità umana dei prigionieri. Essi cercano di dare ai prigionieri occasioni per riconoscere la loro colpa, garantendo nel contempo che il futuro è ancora possibile e che la loro umanità non è ridotta a causa dei loro crimini.

P. Augustin Hounkpe C.Ss.R

(traduzione dall’inglese: P. Salvatore Brugnano)
Leggi l’originale.

2013 –Niger – La situazione dei detenuti nelle carceri dell’Africa è drammatica, come fa notare l’articolo di P. Augustin Hounkpe, e i Missionari redentoristi sono impegnati anche in questa pastorale. Ultimamente la situazione è diventata esplosiva per le infiltrazioni di bande armate estremiste; e la repressione non si fa attendere.

2013 –Niger – La situazione dei detenuti nelle carceri dell’Africa è drammatica, come fa notare l’articolo di P. Augustin Hounkpe, e i Missionari redentoristi sono impegnati anche in questa pastorale. Ultimamente la situazione è diventata esplosiva per le infiltrazioni di bande armate estremiste; e la repressione non si fa attendere.

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Febbraio 26, 2014 at 12:00 am da Salvatore
Categoria: Istituto redentorista
Tags: , ,