Leggi Offline:

L’annuncio della Parola oggi

            • 1a. Vangelo e riflessione della 15a Domenica Tempo Ord.: “Il seminatore uscì a seminare”.
              1b. Vangelo del SS. Redentore: “Dio ha mandato il Figlio nel mondo, perché il mondo si salvi per mezzo di lui”
            • 2a. Videoriflessione di P. Giuseppe De Nardi – da Gloria.TV.
              2b. I Redentoristi, missionari del Redentore
            • 3. Video – Le vacanze di chi resta in città – da Gloria.TV.
            • 4a. Video – Cafarnao, la città di Pietro – da Gloria.TV.
            • 4b. Video – Il Caffé di Aboud  – Gloria.TV.
            • 5. Video -Giornata della Famiglia Cappuccina – da Gloria.TV.
            • 6. CSSR Video -The Redemptorists: Congregation of the Most Holy Redeemer – da Youtube.
            • 7. Dalle Opere di S. Alfonso – Contemplando il Redentore.

_________

“La parola di Dio dimora in voi che avete vinto il maligno” (1Gv, 2,14).

1a. Vangelo della domenica – Forma breve (Mt 13,1-9).
“Il seminatore uscì a seminare”.

Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti».

1b. Vangelo della solennità del SS. Redentore – (Gv 3, 13-18.21).
“Dio ha mandato il Figlio nel mondo, perché il mondo si salvi per mezzo di lui”.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: “Nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell’uomo che è disceso dal cielo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna”.
Dio, infatti, ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.
Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.

_________________

2a. Video-riflessione di P. Giuseppe De Nardi di Koinonia (dur. 08:10) – da Gloria.TV.

 

2a. Video – I Redentoristi, missionari del Redentore – da YouTube.

_________________

3. Video – Le vacanze di chi resta in città, Prof. Ezio Aceti di  gioiafelice (dur. 08:49) – da GloriaTV.

_________________

4a. Video – Cafarnao, la città di Pietro di Franciscan Multimedia Center (dur. 03:32) –  da Gloria.TV.

_________________

4b. Video – Il Caffé di Aboud di Franciscan Multimedia Center (dur. 03:46) – da Gloria.TV.

_________________

5. Video – Giornata della Famiglia Cappuccina di  OFMCap (dur. 04:08) – da Gloria.TV.

_________________

6. CSSR Video – The Redemptorists: Congregation of the Most Holy Redeemer di BroLarryCSsR (dur. 3,42) – da Youtube.

_________________

7. Dalle Opere di S. Alfonso – Contemplando il Redentore..

Anima mia, alza gli occhi e contempla Gesù crocifisso. Guarda l’Agnello divino, sacrificato su un altare di dolore. Pensa che egli è il Figlio prediletto dell’eterno Padre e che è morto per amor tuo.
Egli ha le braccia aperte per accoglierti, il capo chino per darti il bacio della pace, il costato aperto per accoglierti. Non merita forse di essere amato un Dio così buono e pieno d’amore? Dalla croce il tuo Signore ti dice: “Figlio, chi mai al mondo ti ha amato più di me, tuo Dio?”
Mio Dio e mio Redentore, tu sei morto di una morte infame e dolorosa, per guadagnarti il mio amore. Ma quale creatura potrà mai ricambiare l’amore del suo Creatore morto per essa?
Adorato Gesù, amore dell’anima mia, come potrò dimenticarmi di te? Come potrò vederti appeso su questo legno e non amarti con tutte le mie forze?
Gesù mio, io credo che tu mi hai amato fin dall’eternità, senza alcun merito mio, e che, pur prevedendo le mie ingratitudini, solo per la tua bontà mi hai dato di esistere.
Tu sei il mio Salvatore, perché con la tua morte mi hai liberato dall’inferno tante volte da me meritato.
Tu sei la mia vita, per la grazia che mi hai donato, senza la quale io sarei rimasto per sempre nella morte.
Tu sei la mia speranza: da nessun altro io posso sperare del bene, giacché tu solo sei giunto a morire per me.
Agnello di Dio, sacrificato sulla croce e vittima d’amore, vorrei morire per te, come tu sei morto per me! Amen.
(S. Alfonso).

(Leggi l’originale in Considerazioni ed affetti sopra la Passione – XVI).

_________________

OGGI Solennità del SS. Redentore – AUGURI a tutti i Redentoristi nel mondo. – C’è ancora bisogno di Redenzione: “La messe è molta, ma gli operai sono pochi” – O Gesù Redentore, manda operai nella tua messe!

 

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Luglio 16, 2017 at 12:06 am da Salvatore
Categoria: Liturgia e devozioni, Proprium liturgico
Tags: , ,