Leggi Offline:

 

Novena di Natale
nello spirito di S. Alfonso
20 dicembre

Ecco, il Signore viene: venite, adoriamo.
* O chiave di Davide, che apri le porte del Regno dei cieli: vieni e libera chi giace nelle tenebre del male.

  • La profezia dell’Emmanuele, il Dio-con-noi, fatto al re Acaz è l’annuncio profetico della nascita verginale del Figlio di Maria. Questa riceve l’annunzio e vi aderisce con tutta la prontezza e l’umiltà della sua fede.
  • Tu hai voluto, o Padre, che all’annunzio dell’angelo la Vergine immacolata concepisce il tuo Verbo eterno, e avvolta dalla luce dello Spirito Santo divenisse tempio della nuova alleanza: fà che aderiamo umilmente al tuo volere, come la Vergine si affidò alla tua parola. Per Crusto nostro Signore. Amen.

Preghiera di S. Alfonso

Caro mio Gesù, infiammami del tuo santo amore, giacché a questo fine voi sei venuto in questa terra. E’ vero che io misero, per averti offeso, non meriterei più di ardere di quelle beate fiamme, di cui ardono i santi, solamente mi toccherebbe di ardere nel fuoco dell’inferno. Ma oggi sento che, rivolto anche verso di me ingrato, dici: Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore.
Ti ringrazio, mio Dio, che ritorni a darmi questo dolce precetto; ed voglio ubbidirti: ti voglio amare con tutto il cuore, soprattutto al pensiero che ti sei fatto uomo per me, e ti sei addossato le mie miserie. Ora che ti vedo sulla paglia tremare di freddo, vagire e piangere per me, o Dio bambino, come posso vivere senza amarti?
Ti amo, o Verbo incarnato: ti amo, o Fanciullo divino, e tutto a mi dono a te. Per quelle pene che patisti nella stalla di Betlemme, accetta, o Gesù mio, questo misero peccatore che vuole amarti. Aiutami, dammi perseveranza: tutto spero da te.
O Maria, o gran Madre di questo Figlio, e da questo Figlio la più amata, pregalo tu per me.

Impegno
Concepirai un figlio e lo darai alla luce. – La vera missione del cristiano non è quella di organizzare il mondo, ma di portare dentro di sé ogni uomo e dargli il diritto a vivere nella nostra vita.

Una canzoncina di S. Alfonso

Gesù Criste peccerille

1. Giesù Cristo peccerillo,
mariuolo, acchiappa core,
vuò lo mio? Te teccatillo,
tutto tujo, eccolo cchà.
Si i core de ll’aute gente
Po volisse, Ninno bello,
fatte sulo tenì mente,
ca li ffaje spantecà.

Bello Ninno mio d’amore,
Sulo a Te io voglio amà.
Bello mio, Ninno Dio
Io pe Te voglio abbruscià

Scarica tutto il testo (formato txt)

Ascolta e scarica Giesù Criste peccerille dal Piccolo Coro dell’Annunziata di S. Agata dei Goti *mp3

Guarda il video di  ‘A nuvena 2010 a Pagani nelle bellissime luminarie natalizie e ascolta il canto nella interpretazione di A. Saturno e G. Esposito.

Get the Flash Player to see this content.

P. Salvatore Brugnano

Condividi questo articolo:
  • email
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • Segnalo
  • Technorati
  • Upnews
  • Wikio IT

Dicembre 20, 2010 at 1:00 am da Salvatore
Categoria: Canzoncine, Musica alfonsiana, Preghiere di S. Alfonso, Senza categoria
Tags: ,